Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

La superficie della lotta al Piccolo Teatro Unical

Scritto da on 1 aprile 2012 – 17:54nessun commento

Libero Teatro e Teatro Rossosimona presentano LastMinute, Prima Rassegna Teatrale al Piccolo Teatro Unical che propone      mercoledì 4 aprile alle ore 20.30 lo spettacolo La superficie della lotta, Concerto per guerriglieri abbandonati di e con Ernesto Orrico .

Locandina La Superficie della LottaLa superficie della lotta appare così una superficie non piatta delle cose ma multiforme e variegata, carica di contraddizione e di ossimori taglienti, furiosi, voluttuosi. Sgrammaticatura logica, di quella logica il cui non senso fa da padrone. Racconto frammentato di guerra e sangue, di vita e rigenerazione attraverso le parole, mentre i suoni si confondono con i fonemi e gridano la barbarie inappagata dei giorni nostri. Forse non c’è via di uscita se non nella parola stessa, nell’ancestrale gestualità dell’uomo schiavo, uomo schiavo dell’altro uomo, uomo schiavo della natura, uomo schiavo della sua stessa natura. Fatalisticamente provato, lotta. Ma soccombe alle catene anche se la plasticità del movimento e il ritmo del sonoro spezzano le prigioni.

File rouge del monologo è la guerra, non una, ma due, tre, due, cinque, tre guerre tante quanti gli anni di vita del genere umano, tante quanti i suoi vizi, le sue paure, i suoi dolori. Quanto dolore ci vuole per uccidere l’altro? Poco – sembra rispondere Orrico – molto poco, se il poco è superficie astratta, permeabile all’essenza stessa delle cose. E la natura dell’uomo allora? Condannata, stremata, finita dove? Altrove. Ed esce di scena, lentamente, goffamente, incappucciato, pronto per essere sacrificato sull’ altare dei Lari e dei Penati, di quelle forze ataviche ed ancestrali che muovono l’animo umano dagli albori del suo essere.

Collaborazione alla drammaturgia di Vincenza Costantino, musiche e sound design di Gianluca Ricciadi/Anonima Italiana, costumi e oggetti di scena Rita Zangari, foto di scena Pietro Scancello.

Una produzione Ernesto Orrico e Teatro della Ginestra

Costi: 8 € intero – 5 € ridotto (tesserati, studenti con libretto e minori)

Per info: 3394803433 – 3201842746