Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

La Traviata a Locri

Scritto da on 7 agosto 2014 – 20:21nessun commento

locandina TraviataProsegue la prima edizione del  Laboratorio Lirico internazionale di alto perfezionamento “Morgana Opera Academy”, proposta dall’Associazione Culturale Morgana inCanta, iniziata il 1° agosto, eche si concluderà con la messa in scena dell’unica replica de “La traviata” di Giuseppe Verdi il 12 agosto e col Gran Galà Lirico di mercoledì 13 agosto, presso la Corte del Comune di Locri, nato  dalla collaborazione fra l’Associazione Culturale Morgana inCanta e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Locri.

Lo spettacolo è diretto da Mario De Carlo, e col cast formato da giovani del laboratorio lirico, affiancati dal baritono Leonardo Galeazzi, reduce dal Maggio Musicale Fiorentino.

La direzione artistica dell’intero progetto porta la firma del soprano Serenella Fraschini.

I docenti principali del laboratorio lirico sono stati Serenella Fraschini e Leonardo Galeazzi per la tecnica e interpretazione vocale; Gian Rosario Presutti per lo studio dei valori musicali dello spartito; e Mario De Carlo per la regia e l’arte scenica, affiancati da Enzo de Liguoro, con interventi su “Consapevolezza e disciplina del corpo artistico”, e da Annunziato Gentiluomo con un work-shop di bio-energetica e tecniche di rilassamento.

Il laboratorio  mira  al perfezionamento della tecnica vocale; allo studio del ruolo partendo dal libretto e dallo spartito; all’inquadramento storico e drammaturgico de “La traviata”; all’attenzione allo spazio scenico quale ambito di elezione del cantante d’opera, con cenni di scenografia e costume teatrale; all’approccio ai valori musicali; all’affinamento delle intenzioni interpretative; e alla consapevolezza della propria fisicità in rapporto al personaggio.

Un esperimento interessante, che ha offerto la possibilità  ai  giovani cantanti calabresi di misurarsi con artisti di fama e di riaffermare l’opera lirica anche in Calabria.