Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

La Traviata a Locri

Scritto da on 7 agosto 2014 – 20:21nessun commento

locandina TraviataProsegue la prima edizione del  Laboratorio Lirico internazionale di alto perfezionamento “Morgana Opera Academy”, proposta dall’Associazione Culturale Morgana inCanta, iniziata il 1° agosto, eche si concluderà con la messa in scena dell’unica replica de “La traviata” di Giuseppe Verdi il 12 agosto e col Gran Galà Lirico di mercoledì 13 agosto, presso la Corte del Comune di Locri, nato  dalla collaborazione fra l’Associazione Culturale Morgana inCanta e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Locri.

Lo spettacolo è diretto da Mario De Carlo, e col cast formato da giovani del laboratorio lirico, affiancati dal baritono Leonardo Galeazzi, reduce dal Maggio Musicale Fiorentino.

La direzione artistica dell’intero progetto porta la firma del soprano Serenella Fraschini.

I docenti principali del laboratorio lirico sono stati Serenella Fraschini e Leonardo Galeazzi per la tecnica e interpretazione vocale; Gian Rosario Presutti per lo studio dei valori musicali dello spartito; e Mario De Carlo per la regia e l’arte scenica, affiancati da Enzo de Liguoro, con interventi su “Consapevolezza e disciplina del corpo artistico”, e da Annunziato Gentiluomo con un work-shop di bio-energetica e tecniche di rilassamento.

Il laboratorio  mira  al perfezionamento della tecnica vocale; allo studio del ruolo partendo dal libretto e dallo spartito; all’inquadramento storico e drammaturgico de “La traviata”; all’attenzione allo spazio scenico quale ambito di elezione del cantante d’opera, con cenni di scenografia e costume teatrale; all’approccio ai valori musicali; all’affinamento delle intenzioni interpretative; e alla consapevolezza della propria fisicità in rapporto al personaggio.

Un esperimento interessante, che ha offerto la possibilità  ai  giovani cantanti calabresi di misurarsi con artisti di fama e di riaffermare l’opera lirica anche in Calabria.