Primo Piano »

Pietro Grasso inaugura il Tropea Festival L&S. Il programma

9 ottobre 2017 – 13:19 |

“Caro Giovanni, scriverti non è facile, mettere ordine nei tanti pensieri e nelle innumerevoli cose che ho da dirti. C’è quel lieve imbarazzo tipico di quando due vecchi amici, abituati a condividere la quotidianità, fatta di cose grandi e piccole, …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Libri: Massimiliano Capalbo presenta a Lamezia La Terra dei recinti

Scritto da on 29 settembre 2015 – 17:28nessun commento

Il 6 ottobre alle ore 18.30 a Palazzo Nicotera di Lamezia Terme sarà presentato l’ultimo libro di Massimiliano Capalbo “La Terra dei Recinti”.

L’evento nasce dalla volontà dei giovani del collettivo Manifest e dalla collaborazione con il Sistema Bibliotecario Lametino, che continua a dimostrare grande capacità di collaborazione e sensibilità verso il territorio, con il patrocinio della città di Lamezia Terme. Partner: Scenari Visibili e Igers Calabria.

La Terra dei Recinti -Perché il Sud Italia non riesce a trasformare in valore le risorse che possiede e come può farlo. Un libro scritto per sfatare molti luoghi comuni, demolire pregiudizi e false credenze, che hanno impedito fino ad oggi ai giovani meridionali di progettare il proprio avvenire. L’autore, assumendosi l’onere di analizzarne senza alibi e attenuanti le ragioni, prova a rispondere alla domanda delle domande, ovvero: perché il Sud Italia non riesce a trasformare in valore le risorse che possiede? E inoltre indica una soluzione. Nessuno mai potrà salvare il Sud da se stesso. Il Sud può e deve salvarsi da solo perché ha tutte le carte in regola per farlo, ma per riuscirci deve liberarsi di alcune zavorre che ne impediscono e limitano i movimenti e l’evoluzione.

“Abbiamo conosciuto Massimiliano lo scorso anno e di lui ci ha colpito il suo essere schietto e diretto. 12041488_815795415207779_2022841642_oPoi quest’estate con l’uscita del suo libro, quindi conoscendo meglio la sua storia, abbiamo potuto notare la concretezza delle sue parole nelle sue azioni quotidiane. Ideatore del primo parco avventure in Calabria, sette anni fa, Massimiliano inizia l’esperienza più eretica, senza finanziamenti, a Tirivolo in Sila, a 1600 m di altitudine: Orme nel Parco”.

Massimiliano Capalbo ha una visione diversa del Sud e invita al cambiamento di prospettive partendo dal concetto che il Sud non è di meno al Nord. Egli dice infatti: “ Siamo noi che dobbiamo farci istituzioni, rimboccarci le maniche e ricostruire il nostro paese, raccogliendo le macerie pezzo per pezzo. Per farlo, dobbiamo diventare eretici appunto. Come? Basta parlare di questione meridionale, di iniziative volte allo sviluppo del mezzogiorno, utilizzate sempre in modo strumentale, basta con le donazioni e con gli aiuti a pioggia, basta con i discorsi sul reddito di cittadinanza, lo strumento di marketing politico più vecchio della storia, che posso accettare solo per i malati e per gli anziani indigenti. Il Sud ristagna, ed è incapace di rigenerarsi non perché non ci siano le idee, ma perché non si ha il coraggio di rischiare”.      

Ad introdurre la presentazione del libro saranno i ragazzi di Manifest. converserà con l’autore l’avv. Francesco Bevilacqua. Per questa occasione i ragazzi lanciano un ulteriore invito a tutte le realtà, associazioni e festival del territorio affinché “tutti insieme e non solo d’estate, possiamo uscir fuori dai recinti e incontrarci per continuare a conoscerci, a discutere, a progettare insieme circa idee artistiche, imprenditoriali, o semplicemente per continuare a confrontarci e arricchirci reciprocamente- spiega in una nota stampa il collettivo e prosegue – noi crediamo, e in questo Massimiliano ci da un ulteriore stimolo, che la Calabria non sia solo terra di Festival ma che sia piena di risorse da valorizzare, sempre.

La presentazione de “La Terra dei Recinti” è il primo dei tanti e prossimi appuntamenti del collettivo. Nel loro manifesto leggiamo quanto segue: Perché partecipare con noi? Perché crediamo, imperterriti, nella migliore e più spontanea collaborazione tra realtà simili nello stesso territorio. La famosa rete tra le associazioni, spesso nominata in più occasioni, dovrebbe essere il paradigma di sviluppo culturale e sociale, in un’ottica possibilistica e attiva delle proprie azioni. Il nostro vuole essere un invito vero e proprio alla svestizione da ogni traccia di titubanza ed esitanza che, spesso, ci impediscono una piena e reale apertura nei confronti dell’altro”.    

Contatti:

manifestblogotmail.com

https://www.facebook.com/manyfestt3

https://www.facebook.com/events/1033641426680686/

(Comunicato Stampa)