Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Maledetto Sud di Vito Teti alla Ubik di Catanzaro

Scritto da on 8 gennaio 2014 – 10:35nessun commento

maledettosudcop

 

La Libreria Ubik di Catanzaro giovedì 9 gennaio 2014 ore 18.30 (incontro rinviato a venerdi 24 gennaio)  ha invitato l’antropologo e scrittore Vito Teti ad inaugurare  gli appuntamenti del 2014. Teti  presenta, stuzzicato e rintuzzato dal giornalista Filippo Veltri, la sua ultima fatica letteraria, Maledetto Sud, uscito qualche mese fa per i tipi di Einaudi.

 

Il libro vuol essere una riflessione su cosa significa essere figli di un Sud sul quale pesano distinguo e pregiudizi diffusi, ostilità e cecità verso un mondo estremamente complesso e non riducibile a modelli dati e superati.

 

 

Come superato è la storica distinzione tra Nord e Sud in un mondo globale che ha mutato in pochi hanno tutti i suoi riferimenti, sociali, economici e geopolitici.

 

Non è facile, per chi sia nato al Sud, al Nord o al Centro, dirsi italiano e non è facile nemmeno non dirsi italiano. Questo indipendentemente dalla parte d’Italia in cui si è cresciuti….L’idea di appartenere ad un’entità geografica, culturale, linguistica -mai politico-amministrativa- di nome Italia ha una storia millenaria e risale almeno al periodo antico, alla Roma repubblicana ed imperiale….Quell’idea forte e alta d’Italia unita, frutto di invenzioni e nostalgie, di storia comune e separatezze e di tradizioni, paradossalmente si appanna, sfuma, si stempera, a volte scompare proprio quando l’unità politico-amministrativa viene realizzata. Mentre l’unificazione era in corso, ben presto piemontesi e meridionali, patrioti e briganti, si accorsero di come tra mito e realtà lo scarto fosse abbastanza forte e di come quello che era stato percepito come somiglianza fosse diverso, altro, e quelle distanze che si immaginavano superabili, sarebbero diventate più forti, quasi irraggiungibili.