Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Massimo Bubola, Claudio Lolli e Emanuele Belloni si raccontano in teatro a S. Fili

Scritto da on 26 maggio 2014 – 17:27nessun commento
massimobubolaAl Teatro Gambaro di San Fili (Cs) ritorna Cosa vuoi che sia una Canzone, la Rassegna curata da Renato Costabile e organizzata all’interno delle Attività della Residenza TEATRI MERIDIANI diretta da Dante de Rose, per chiedere, come già in passato, ad alcuni protagonisti della musica italiana di raccontarsi, attraverso le  parole, la  musica, le loro canzoni, in una dimensione intima,quasi unplugged.
A inaugurare l’edizione 2014, in programma dal 27 al 31 maggio, sarà  Massimo Bubola, un protagonista della scena musicale italiana, che nella sua carriera ha composto e interpretato venti album e scritto più di 300 brani.
Compositore, autore, produttore, arrangiatore, ha firmato in coppia con Fabrizio De Andrè alcune tra le pagine più interessanti nella produzione del grande cantautore genovese.
Il testimone passerà poi a Emanuele Belloni, tra le più interessanti nuove firme della canzone d’autore italiana, secondo alle Targhe Tenco del 2013 con la sua opera prima “E sei arrivata tu”, che si presenta sul palco del Teatro Gambaro accompagnato da uno tra i chitarristi di riferimento del panorama musicale italiano, Michele Ascolese.
L’ultima serata è riservata ad uno tra i nomi che hanno fatto la storia della canzone italiana dagli inizi degli anni ’70 in poi: Claudio Lolli. L’autore di album storici come Ho visto anche degli zingari feliciDisoccupate le strade dai sogni chiuderà la Rassegna sabato 31 accompagnato da Paolo Capodacqua, chitarrista da tempo diventato insostituibile nelle performance di Lolli.