Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Medea di Christa Wolf nel Laboratorio teatrale di Lara Guidetti a Soverato

Scritto da on 2 ottobre 2013 – 17:24nessun commento

Prende il via per proseguire sino al 20 ottobre al Teatro Comunale di Soverato all’interno della Residenza teatrale REACT un Laboratorio teatrale con Lara Guidetti e la Compagnia Sanpapiè.
Il laboratorio ha la finalità di approfondire la figura di MEDEA ma anche quella di costruire un gruppo di lavoro che approderà alla produzione 2014 della residenza.

<<Questa prima sessione di lavoro si concentrerà sullo studio di una “ narrazione fisica “indiretta”: le sei voci che nel romanzo della Wolf monologano a proposito di Medea saranno l’asse principale attorno al quale si svilupperà, parallelamente , il lavoro sul coro e quello sull’individuo/personaggio.

Medea è la straniera, la barbara sradicata e senza patria che porta una cultura sconosciuta e lontana: ogni giorno prenderemo in esame un personaggio che ha con lei una relazione e, seguendone lo sguardo, sonderemo punti di vista diversi intorno alla protagonista, analizzandola da lontano. La ricerca inizierà a partire da due elementi cardine: lo spazio e il gesto.

Lo spazio del mito nella presenza e nella posizione del corpo sulla scena ma anche nell’accezione di collocazione e distanza all’interno della narrazione. Il gesto, invece, sarà la grammatica per la costruzione di un discorso fisico tra il coro e i personaggi stessi: il gesto che emerge dalla cultura popolare, specchio di culture e tradizioni, il gesto individuale metafora del mondo interiore che svela stati emotivi, pensieri e il gesto codificato che diventa linguaggio sociale capace di sintetizzare e rappresentare una collettività.

Il corpo come centro della narrazione in duplice valenza: raccontare i fatti e svelare il narratore>>. (Lara Guidetti)