Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Mostre: una personale per…due alla Galleria Terrain Vague

Scritto da on 24 giugno 2014 – 16:41nessun commento

Terrain Vague Gallery inaugura il ciclo delle personali dedicate a giovani artisti italiani emergenti venerdì 27 giugno, alle ore 19:30 con i lavori di Francesco Altomare e Mariarita Renatti. La mostra resterà aperta fino al 6 luglio, presso gli spazi del Terrain Vague Gallery in via Arabia 31 a Cosenza, dalle ore 17:30 alle 21:30.

LOVANDINA

 

Due artisti che hanno scelto come tecnica privilegiata quella del disegno e che sono accomunati dall’utilizzo chirurgico e raffinato di penna (per Mariarita) e matita (per Francesco), oltre che dalla giovane età (classè ’88 e ’91).

Due modalità di lavoro che pure nelle differenze presentano interessanti punti di connessione: nella freschezza dello sguardo, nell’attenzione e nella cura dei particolari, nella relazione con i soggetti raffigurati, che conferma e insieme confonde il piano della realtà con il registro finzionale della messa in scena.

Mariarita Renatti riprende i temi e i gesti caratteristici della tradizione popolare, i ricordi privati, le narrazioni familiari e li trasforma in scene pop, ottenendo risultati spiazzanti.

Francesco Altomare utilizza i propri lavori come dispositivi ottici, trattando con attenzione maniacale i particolari più insignificanti per spingere la rappresentazione della realtà oltre la normale visione a occhio nudo.

Renatti è fresca di una mostra personale alla 77 Gallery di Porta Ticinese e si muove nell’ effervescente ambiente milanese delle gallerie e degli spazi espositivi che puntano sugli artisti emergenti, Altomare è invece una bella scoperta del Terrain Vague e per l’occasione presenterà lavori inediti.

(Comunicato Stampa)