Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

‘Ndrangheta e politica nel nuovo libro di Enzo Ciconte

Scritto da on 25 settembre 2013 – 17:02nessun commento

Venerdì 27 settembre 2013 alle ore 18.30 presso Palazzo Gagliardi a Vibo Valentia si presenterà il nuovo libro di Enzo Ciconte POLITICI (E) MALANDRINI.  All’incontro, organizzato dal Sistema Bibliotecario Vibonese e coordinato da Sergio La Grotteria, intervengono l’autore ed il Procuratore della Repubblica dott. Mario Spagnuolo.

 

La ’ndrangheta è l’organizzazione mafiosa in perenne trasformazione. La storia del filo che lega politici e ’ndrangheta è quella più negletta perché la mafia calabrese ha vissuto per un lungo periodo storico in una zona oscura impenetrabile alla conoscenza. Fare la storia del rapporto tra malandrini e politici vuol dire affrontare – e cercare di spiegare – una diversità che fa della ’ndrangheta un unicum nel panorama mafioso.

 

La ’ndrangheta in determinati momenti storici si è differenziata da mafia e camorra sia perché ha stabilito relazioni con il Pci e con la destra eversiva, sia perché è l’unica organizzazione ad avere rapporti con uomini politici che operano nel Centro-Nord Italia e persino in alcuni Paesi stranieri. La ’ndrangheta s’è assicurata la protezione di una borghesia mafiosa ingorda ma anche miope, senza ideali e incapace di immaginare un futuro per la propria terra diverso da quello della subalternità ai governanti di turno o ai mafiosi.

 

’Ndrangheta, magistratura, politica e massoneria sono un incrocio perfetto. Al centro, come una rotonda che regola il traffico, uomini infedeli dei servizi segreti. Nella prima parte c’è il racconto di lunga durata che dalla Calabria del 1861 arriva sino ai nostri giorni. La seconda parte è dedicata al condizionamento ’ndranghetista su pezzi della politica di alcune regioni: Lazio, Emilia-Romagna, Piemonte, Liguria, Lombardia. La terza parte mostra come la ’ndrangheta si sia interessata di politica in giro per il mondo. La quarta parte illustra alcune forme recenti di resistenza e di ribellione alla prepotenza e alla volontà di dominio ad opera in particolare di sindaci o di assessori o consiglieri comunali calabresi e del Nord Italia.

 
Enzo Ciconte insegna Storia della criminalità organizzata all’Università Roma Tre e Semiologia e analisi del linguaggio mafioso all’Università dell’Aquila. È considerato tra i massimi esperti di fenomeni mafiosi.

 

 Sistema Bibliotecario Vibonese
Polo Culturale Santa Chiara, via Ruggero il Normanno Vibo Valentia – 89900
tel. 0963/547557 – fax 0963/471856