Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Parole e musica contro le mafie al Polifunzionale di Catanzaro

Scritto da on 11 febbraio 2014 – 19:06nessun commento

Una giornata all’insegna della cultura e della musica per dire No a tutte le Mafie. Questo lo spirito che lega la giornata di mercoledì 12 febbraio al Centro Polivalente per i giovani/Caffè delle Arti, dal nome “Parole e Musica contro le Mafie, a cura dell’associazione Libera; Associazioni, nomi e numeri contro  le mafie, da sempre in prima linea nel sensibilizzare e sollecitare la società civile nella lotta alle varie forme di criminalità organizzata.

Dalle h. 18.00 il polo di Via Fontana Vecchia patrocinato dal Comune di Catanzaro, sarà il punto di congiunzione tra diverse anime della società civile, capaci di intavolare  un importante dibattito, con spunti di interessante confronto fra la cultura e l’informazione: grazie alla testimonianza dell’imprenditore Rocco Mangiardi, che ha avuto il coraggio di dire “No” al pizzo e dei  familiari di Francesco Tremonte e Pasquale Cristiano, i due netturbini uccisi all’alba del 24 maggio  1991, mentre svolgevano il loro lavoro nel quartiere Meraglia, l’incontro si pone l’obiettivo di tenere alta l’attenzione su un tema attuale e drammatica, per non dimenticare chi ha sacrificato a volte con la vita il  proprio diritto ad una vita normale e rompere il muro di silenzio che ancora oggi divide i diversi volti di una società.

Spazio anche alla musica con la partecipazione della cantastorie catanzarese Francesca Prestia, da sempre attiva con la sua chitarrina battente e la sua voce appassionata, a promuovere le tradizioni, la storia e la cultura della terra di Calabria; la fierezza e il coraggio di molte donne e uomini calabresi che, per amore della propria terra, lottano per la giustizia e la libertà.

Una giornata per educare alla legalità democratica, all’impegno contro la corruzione ed essere i futuri portavoce di una terra Libera. (Ufficio Stampa)