Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Premio Mario Gallo 2014 con Amelio, Ciprì, Winspeare

Scritto da on 12 dicembre 2014 – 11:21nessun commento

premio mario gallo manif. 8017_1553439264175654881_nProseguono gli appuntamenti del Premio Mario Gallo, istituito in memoria del giornalista, regista e produttore cosentino scomparso nel 2006,  che, dopo l’inaugurazione, propone venerdì 12 dicembre un incontro con lo scrittore Gioacchino Criaco, Luigi di Gianni e Paride Leporace della Lucania Film Commission, Pino Citrigno del Mibact, Eugenio Attanasio e Giovanni Scarfò della Cineteca della Calabria, sulla Cinescoperta dei territori: da Africo 1949 a Matera 2019, un percorso in 70 anni di cinema e di scoperta e valorizzazione delle identità territoriali.

 

La rassegna prosegue il 13 dicembre con il film di Gianni Amelio, Felice chi è diverso, viaggio nelle paure e negli stereotipi legati all’omosessualità nell’immaginario televisivo e cinematografico italiano, mentre lunedì 15 sarà la volta di Daniele Ciprì che, nel suo ultimo film, La buca, propone una favola dei nostri giorni, grottesca e leggiadra, una ‘antiepopea’ di perdenti, un vitale azzeccagarbugli e un povero diavolo che si è fatto anni di prigione senza avere alcuna colpa, in una società in una società abituata a crogiolarsi nel suo immobilismo, al riparo dentro la buca.

 

Il Premio si chiude il 17 dicembre con la proiezione di In grazia di Dio, di Edoardo in grazia di dioWinspeare, con la presenza del regista e della protagonista, storia di una genealogia familiare tutta al femminile che pratica attivamente la resilienza chiudendo, di fronte al fallimento, la fabbrica e tornando alla terra, accettazione di una realtà complessa ma non per questo avara di bellezza e di stupore.