Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Ancora quel geniaccio di Steve Jobs al MIAI di Cosenza

Scritto da on 5 dicembre 2014 – 17:47nessun commento
 Il Museo Interattivo di Archeologia Informatica (MIAI), ospitato presso l’associazione VerdeBinario, a Cosenza, propone un doppio appuntamento i prossimi 5 e 6 dicembre 2014. Prima tappa con la presentazione del libro di Paolo Cognetti (da non confondere con lo scrittore), 1977-1987. Quando il computer divenne Personal, mentre nella seconda giornata viene proposto NeXT Cube (1990): gli anni di Steve Jobs alla NeXT, seminario e esposizione temporanea, a cura di Tommaso Caruso.Dopo l’uscita da Apple nel 1985, Steve Jobs fonda la “NeXT computers”, un marchio che riscuote scarso successo commerciale, ma che ha cambiato la storia recente dell’informatica.  Sul computer NeXT Cube Tim Berners-Lee creera’ nel 1990 al CERN
la prima pagina HTML della storia, dando vita al World Wide Web. L’acquisizione di NeXT da parte di Apple nel 1996 segna il ritorno di Steve Jobs e la sua nuova scalata al successo nell’azienda di Cupertino. Da quel momento fino ad oggi, il sistema operativo NeXT Step diventa la base di tutti i nuovi “iProdotti” della mela.

Il MIAI e’ un’esposizione permanente di calcolatori storici, strutturato in sezioni che descrivono l’evoluzione del computer attraverso i decenni.

Grazie ad un paziente lavoro di ricerca il Museo ha ricevuto da enti pubblici, tra cui diversi Dipartimenti dell’Universita’ della Calabria,  privati, associazioni e singoli cittadini,  materiale informatico di interesse storico, documentazione cartacea e software originali.

Il museo vanta oggi centinaia di sistemi tra cui il primo enorme mainframe VAX dell’Universita’ della Calabria, vecchi cloni IBM, workstation UNIX, i primi computer prodotti da Apple, Olivetti ecc. e si arricchisce ogni giorno grazie alle donazioni di privati e di istituzioni.

byte_vol10_n2_feb_1985

Gran parte delle macchine  sono messe a disposizione dei visitatori di ogni età che possono così cimentarsi ad esplorarle con attività didattiche e ludiche. Durante la visita al museo gli ospiti sono incoraggiati ad utilizzare tutte le apparecchiature esposte, interagendo con sistemi esotici, divertendosi con videogiochi arcaici e sperimentando il buon vecchio software di una volta.


Aperto ogni sabato h16:00 – 19:00 – Via Vittorio Accattatis, 4 – tel: 0984 1801025 – email: info@verdebinario.org

Tel: 0984 1801025 – info@verdebinario.org