Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Roccu ‘u stortu con Fulvio Cauteruccio a SpazioTeatro

Scritto da on 8 marzo 2013 – 17:21nessun commento

Debutta sabato 9 marzo alle 21.00 – con replica domenica 10 alle 18.15 – alla Sala SpazioTeatro nell’ambito della “Bella stagione” organizzata da SpazioTeatro ROCCU ‘U STORTU, scritto da Francesco Suriano, interpretato e diretto da Fulvio Cauteruccio con le originali musiche di scena del Parto delle nuvole pesanti.

Lo spettacolo è un produzione storica della Compagnia Krypton che ha imposto all’attenzione del pubblico e della stampa Fulvio Cauteruccio come attore e regista, nella stagione 2001-2002 è stato uno spettacolo “rivelazione”, rappresentato nei più importanti festival e in prestigiosi teatri con una tournee lunga tre anni.

A distanza di 11 anni dal debutto, Fulvio Cauteruccio, con una maggiore consapevolezza, decide di ridare voce e carne alla storia rabbiosa e coinvolgente del contadino calabrese Roccu, che va in guerra, la Prima Guerra Mondiale, per un pezzo di terra. Una storia sempre attuale in un mondo che non impara dal tragico passato.

Ma Roccu è anche altro. E’ un bracciante che vive della raccolta d’olive, frutto che in Calabria gode di un religioso rispetto; è uno storico che racconta, in perfetto italiano, una terribile cronaca di guerra, una infame e ben documentata epopea.

E’ infine “u stortu”, lo scemo del villaggio, l’uomo che ha subito un danno e che ha urgenza di parlare. Lo fa attraverso un lungo assolo interiore fitto di proverbi, filastrocche e canzoni. Il racconto di uno spirito libero che compone un violento attacco all’ordine militare in guerra e al governo dei Savoia, rigenerando al tempo stesso il dialetto in un idioma assolutamente contemporaneo.

Tutte le info e le prenotazioni al 339.3223262 o scrivendo a info@spazioteatro.net