Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Spazio Libero Filmaker alla Casa del Cinema di Catanzaro

Scritto da on 3 maggio 2012 – 13:41nessun commento

Per Spazio Libero Filmaker, la rassegna dedicata alle produzioni indipendenti calabresi organizzata dalla Cineteca della Calabria in collaborazione con il circolo del cinema Cinemazaro, venerdì 4  alle ore 20.30 è il momento di Angelo Maggio con la proiezione di due documentari.

LA GENTE DELL’ALBERO
Il documentario offre uno sguardo sulla festa di Sant’Alessandro che si svolge ad Alessandria del Carretto (CS) rito che sicuramente in molti ricordano già ripreso da De Seta nel film I DIMENTICATI del 1959 . Il lavoro è fatto a sei mani visto che riprese e montaggio sono di Angelo Maggio, Arturo Lavorato (socio di Angelo Maggio nella ETNOVISIONI s.n.c) e Felice D’Agostino  (Lavorato e D’Agostino sono i vincitori del premio Orizzonti del festival del cinema di Venezia 2011) unendo foto, video, e materiali audio prodotti tra il 1996 ed il 2001.
Il video è “non commentato” e non vuole rispondere alle solite domande che chi è fuori da certe situazioni normalmente pone agli attori del rito. L’unica “descrizione” di quanto si svolge è data dalla voce di Margherita Napoli che legge un testo che lei ha scritto insieme a Paolo Napoli (ambedue di Alessandria del Carretto) nei primi minuti del video

150 ANNI MA NON LI DIMOSTRA
Il video ( 3 minuti) è un omaggio ad Arturo Lavorato e Felice D’Agostino e mostra il lavoro fotografico di Angelo Maggio sul “non finito calabrese” che costituisce, a parere dell’autore,  lo stile architettonico che rivoluzionerà il paesaggio d’Italia e -perchè no- dell’Europa intera nei prossimi anni vista la diffusione di imprese calabresi nel nord Italia ed in Germania . Una rivoluzione simile a quella che lo stile Staatliches Bauhaus a partire dal 1920. Uno stile essenziale, asciutto ma funzionale e aperto ad ampliamenti ed integrazioni. Aboliti  intonaci e pitture, il mattone resta in vista accoppiato al grigio che, ricordiamo, sta bene su tutto,  del cemento. I ferri lasciati scoperti e liberi all’ultimo piano mostrano l’assoluta mancanza di preclusione a qualsiasi ampliamento. Tutto può crescere senza dimenticare il passato, che sta nei piani di sotto.  Le immagini, montate da Nicola Notarianni, sono magistralmente accompagnate dal discorso che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha fatto in occasione di una manifestazione dove si celebravano i 150 anni dell’unità d’Italia.

Casa del Cinema / Cineteca della Calabria, scesa eroi 1799 Catanzaro  tel.- fax : 0961/746683