Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Teatro: Peppino Mazzotta a Reggio Calabria con Radio Argo

Scritto da on 25 aprile 2014 – 11:45nessun commento

La guerra di Troia come non l’avete mai vista. E’ uno degli spettacoli più apprezzati da critica e pubblico degli ultimi anni. E’ Radio Argo, testo di

Igor Esposito, diretto e interpretato dal cosentino Peppino Mazzotta, una scrittura originale che rielabora i temi dell’Orestea in chiave contemporanea, che questa sera viene presentato al Politeama Siracusa di Reggio Calabria.

RADIO ARGO - Peppino MazzottaLo spettacolo è incentrato sulle vicende degli Atridi precedenti e successive alla guerra di Troia: il sacrificio di Ifigenia da parte del padre Agamennone per consentire all’esercito di partire per la guerra; l’assassinio di Agamennone e della sua schiava Cassandra da parte della moglie Clitennestra e del suo amante Egisto; la vendetta di Oreste, unico figlio maschio di Agamennone, che si abbatte sulla mamma Clitennestra e su Egisto.

Una voce, sola, quella di Peppino Mazzotta (noto al grande pubblico per la sua interpretazione dell’ispettore Fazio nella fiction Il commissario Montalbano) catturata da un microfono e lanciata nella notte, di ripetitore in ripetitore, alla ricerca di orecchie che vogliano sentirla. Una voce come il fuoco che rimbalzò da Troia fino ad Argo, su valli, colli e montagne, per annunciare il ritorno vittorioso della flotta Greca. Una voce nel cuore della notte, desolata, impotente. Una voce che si fa carico della memoria, preoccupata che il ricordo si sbiadisca perché la memoria è una gatta che non si affeziona a nessuno e all’improvviso può scomparire e lasciarci orfani.