Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Vendicami di Johnnie To al Cineforum di Falso Movimento

Scritto da on 29 dicembre 2014 – 11:48nessun commento

Lunedì 29 dicembre ultimo appuntamento dell’anno con il cinema d’autore di Ugo G.Caruso all’interno del cartellone di Falso Movimento, al Teatro comunale di Rovito (Cs) con un noir da non perdere, Vengeance (Vendicami) di Johnnie To, vincitore del Festival di Courmayer 2009.

vengeance locJohnnie To incontra Johnny Hallyday, ovvero uno dei cineasti di punta di Hong Kong, dallo stile inconfondibile, incrocia un’icona della musica pop francese, il settantenne cantante rock ricorrentemente attratto dal cinema.

Ne viene fuori un noir originale, raffinato e visivamente scintillante che vuole rendere omaggio alla migliore tradizione del polar francese, quella che identifichiamo con Jean Pierre Melville. A partire dal nome del protagonista, François Costello, che richiama Le samourai, il celebre film di Melville del 1967 che nella versione italiana divenne inopinatamente Frank Costello, faccia d’angelo ma soprattutto per il ritratto di un “killer esistenziale” apparentabile ad altri illustri omologhi del cinema noir americano di cui il regista francese fu un autentico ambasciatore nel suo paese. To infatti avrebbe voluto Alain Delon quale protagonista del suo film, come per far rivivere il personaggio creato da Melville, tanto da pensare di accantonare il progetto dopo il diniego del divo francese prima che qualcuno gli suggerisse il nome di Hallyday che si rivelerà perfetto per il ruolo.

Il risultato, come detto, è un noir elegante e denso di sequenze memorabili come la coreografica sparatoria nella discarica, un saggio di stile in cui si possono rintracciare tante influenze diverse, dall’iperrealismo dei film degli anni ottanta del connazionale John Woo al linguaggio dei fumetti, da Sam Peckinpah agli spaghetti western fino ai crime movies di Kitano ma in cui forse più che nelle sue opere precedenti, To riesce a svincolarsi da quei condizionamenti che ne avevano fin qui imbrigliato in parte il talento figurativo. Scritto dal consueto sodale Wai Ka-Fai, fotografato magnificamente da Cheng Siu-Keung e musicato in stile western da Lo Tayu, Vengeance, presentato a Cannes nel 2009 ha vinto nello stesso anno il Leone nero quale miglior film al Courmayer Noir in Festival.

François Costello, un cuoco francese che ha un ristorante sugli Champs Elisées e un passato importante nella malavita sbarca a Macao. La figlia, sposata ad un cinese è in fin di vita. Un commando delle triadi facendo irruzione in casa sua gli ha sterminato la famiglia. E così Costello decide di vendicarla ma è solo e non conosce la città, anzi non distingue un orientale da un altro. Il caso però gli consente di entrare in contatto con tre killer professionisti che si legheranno a lui dapprima per denaro, poi per un vincolo di stima e d’amicizia. Ma il mandante della strage in casa della figlia è un gangster potente e spietato che ha alle sue dipendenze un esercito di sicari. Tra gli oscuri bassifondi di Macao, antica colonia portoghese che sembra una Las Vegas orientale, inizia una lotta senza quartiere contrassegnata da continui rovesciamenti di fronte. Ma Costello che ha l’essenzialità e la fedeltà alla propria missione proprie di un samurai, è un uomo sofferente nell’anima e nel fisico. E quando una vecchia pallottola rimastagli nella testa durante la sua vita precedente rischia di fargli perdere la memoria tutto diventa ancora più maledettamente difficile….