Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Vernissage: Liquid Life di Arianna Matta

Scritto da on 9 dicembre 2016 – 18:39nessun commento

Sabato 10 dicembre Arianna Matta espone Liquid life alla Galleria Terrain Vague di Cosenza.

Anatomia dell’irrequietezza è un percorso, che si sviluppa in una serie non determinata di mostre personali, che prende le mosse dall’omonimo testo dello scrittore, archeologo e critico d’arte inglese Bruce Chatwin. Una raccolta di racconti, articoli e saggi il cui filo conduttore è dato dalla convinzione che la natura dell’uomo non risieda nel risiedere in uno spazio circoscritto e delimitato da abitudinari e riconoscibili confini , ma nell’irrequieto vagabondare, viaggiare, muoversi, esplorare: l’ “abitudine e la fissità degli atteggiamenti mentali ottundono i sensi e nascondono la vera natura delle cose” afferma Chatwin, che più in là ammonisce “passiamo troppo tempo in stanze chiuse”, motivo per il quale saremmo infelici e irrequieti.
Questa particolare considerazione della natura umana genera una visione della Storia come dialettica culturale tra civiltà e modelli alternativi e naturali: insediamento e nomadismo, vita sociale ed eremitismo, ordinamenti sociali complessi e tribù. Ed è probabilmente il punto di partenza della sua concezione dell’arte, introdotta nell’ultimo saggio della raccolta – “L’arte e l’inconoclasta” – in cui la creazione artistica è comcepita come il risultato di una armonia paradossale tra tensione all’emancipazione e tendenza all’ossessione e all’asservimento.
Su questa armonia impossibile si fonda la serie di mostre proposte: una sorta di diari di viaggio d’artista tenuti attraverso opere di diversa natura (disegni, bozzetti, quadri, installazioni) presentati in un due moduli spaziali predeterminati e fissi.
L’impegno che gli artisti coinvolti in questo progetto sono invitati ad assumere è quello, parafrasando il pensiero di Heiddeger sulla scultura, di intendere l’opera come un elemento che non deve occupare uno spazio, ma piuttosto farlo: creare spazi dove l’uomo può procedere.
Il racconto di viaggio non è quindi che quello dell’attraversamento dello spazio che si è appena aperto.
Ad aprire questo percorso del “pensare, camminando” su suggerimento del filosofo Nietzsche, un’inedita raccolta di materiale ed appunti di viaggio di Arianna Matta arianna-matta-nuovo-1(classe 1979, pittrice romana, ormai tra i nomi più interessanti e originali della pittura in Italia) messi insieme e riproposti al pubblico in un racconto visivo che si snoda tra fogli da disegno, carte, bozzetti, tavole sperimentali, tele di grandi dimensioni.
Un’indagine dentro lo spazio fisico e dentro i luoghi a cui l’artista ormai da anni rivolge la propria ricerca stilistica. Uno sguardo nel retroscena dei passaggi fluenti, liquidi, seppur unitari di una visione della pittura che, dall’archeologia industriale densa di metafore, approda a figure solitarie sospese nello spazio.
LIQUID LIFE dà il titolo a questa particolarissima esposizione in cui il termine “liquido”, preso in prestito dal sociologo polacco Zygmunt Bauman è particolarmente significativo.
I liquidi, infatti, a differenza dei corpi solidi, non mantengono una forma propria, ma si muovono con estrema facilità. Se i solidi, con la loro fissità, bloccano e “stabilizzano” il tempo, per i liquidi il tempo stesso, ed anche lo spazio, sono elementi che, attraverso il fluire, condizionano la loro struttura e la loro forma.
Nei lavori di Arianna Matta, fabbriche, figure, stazioni, salotti borghesi, aule scolastiche o semplicemente “non luoghi”, ricadono gli uni negli altri, trasformandosi e contaminandosi attraverso le colature gestuali e mentali della pittura liquida.
“Lo slogan dei nostri tempi è la flessibilità: qualsiasi forma deve essere duttile, qualsiasi situazione temporanea, qualsiasi configurazione suscettibile di ri-configurazione” dice Bauman,e Arianna Matta ce lo conferma in questo primo appuntamento di mostre in cui l’artista crea lo spazio in cui si
colloca, popolandolo della propria storia che non è mai unitaria, unidirezionale, circoscritta, ma sempre tesa all’irrequieto vagabondare, viaggiare, muoversi, esplorare.

Opening sabato 10 dicembre h 18,30 La mostra resterà aperta domenica 11 dicembre h 11-13/ 18.30-21. Ulteriori aperture durante tutto il mese di dicembre.