Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Cultura, Eventi, Itinerari e Vacanze, Musica, Teatro, Video

L’ estate 2013 tra borghi e cultura: nell’istmo catanzarese la musica è firmata Suoni pINDarici e Bacchanalia

Scritto da on 13 agosto 2013 – 11:13nessun commento

Un’estate dai colori acidi, questa del 2013, tra la crisi economica che non abbandona la presa, interi settori decapitati dalla mancanza di politiche strutturali e con una ‘vision’ comune o dalla progressiva riduzione dei finanziamenti pubblici e delle sponsorizzazioni private. Stiamo parlando della cultura, un comparto che produce una quota consistente del nostro Pil, da diversi mesi in evidente affanno.

C’è tuttavia un’Italia che non cede, che non rinuncia a credere che identità e territorio, patrimonio culturale e risorse umane siano gli ingredienti fondamentali per sostenere il tessuto sociale e rilanciare l’economia. E’ l’Italia delle piccole realtà locali –amministrazioni comunali, piccole e medie imprese, associazioni di cittadini- che hanno a cuore le tradizioni e la valorizzazione dei loro borghi.

Jacurso4

Sono loro a ideare, finanziare, organizzare rassegne musicali, mostre,  festival teatrali e letterari, eventi di vario genere e taglia. Tante iniziative locali che cercano di sopperire alla scarsità di mezzi con l’entusiasmo (di molti volontari) e la consapevolezza di un patrimonio, unico al mondo, da difendere e sostenere.

 

Anche in Calabria di  iniziative di questo genere se ne contano a centinaia. Come nel caso di Suoni pINDarici, nato dalla collaborazione tra due intraprendenti amministrazioni locali e un piccolo gruppo di lavoro di appassionati di musica rock che crea, nel luglio 2012, una due giorni di musica indipendente all’interno dei comuni di Jacurso e Cortale, alla quale partecipano esponenti importanti della scena indie-rock nazionale, come Giorgio Canali & RossoFuoco,  The Zen Circus, Maieutica, Kyle.

 

Un progetto che si sviluppa per coinvolgere in rete anche altre realtà locali nell’istmo tra il Golfo di Lamezia e quello di Squillace, producendo i primi eventi comuni e la partecipazione a due delle più importanti fiere musicali italiane: il MEI di Faenza e il Medimex di Bari.

 

Suoni pINDarici – Rassegna istmica di rock INDIpendente ritorna ad animare i borghi dell’istmo di Lamezia grazie anche alla neonata collaborazione con il Comune di Tiriolo e il festival Bacchanalia.

 

Prima tappa a Jacurso venerdì 16 agosto con due gruppi di riferimento del panorama indie nazionale, i Perturbazione e i Soviet Soviet.

perturbazione _n

I Perturbazione nascono tra le colline torinesi a fine anni ’90, con gli Oasis, gli Smiths e i Rem in testa. Ma prendono subito una propria strada che li allontana dal percorso tradizionale di una band per diventare una sorta di “factory creativa” che produce video, eventi live, attività formative. Musica x è il loro ultimo album.

 

Di più recente formazione sono i Soviet Soviet , trio post punk che si muove tra Pesaro, Fano e la Francia per approdare sui palchi europei e, da poco, anche su quelli oltreoceano con una manciata di brani che li fa apprezzare da pubblico e critica.

Dal 21 al 25 agosto il testimone passa a Bacchanalia- 2200 anni dopo che si sposta a Tiriolo (Cz).

Sembrerebbe che gli antichi Brettii, i nostri progenitori, praticassero i culti misterici dedicati a Bacco, presto banditi dai romani con il Senatoconsulto de Bacchanalibus (ritrovato nel ‘600 proprio a Tiriolo).    2000 anni dopo i Bacchanali diventano il pretesto per narrare, valorizzare e promuovere il complesso patrimonio di storia, natura e cultura di cui l’Istmo di Lamezia-Squillace e Tiriolo, uno dei borghi più belli della Calabria, sono ricchissimi.

LOGO+CLAIM

Cinque giorni di appuntamenti con Escursioni e Visite guidate nel centro storico e nel territorio di Tiriolo, Laboratori di Liuteria e storia degli strumenti popolari con Masino Leone, Tarantella, guidato da Ciccio Nucera, Tessitura tradizionale, a cura di R&TE, Riciclo creativo e Teatro con il Teatro del Carro (23-25.08, ore 16, durata 3 ore); Seminari enogastronomici  (Ore 18:30, durata 1,30h) e percorsi tra vini DOC e IGT e gastronomia locale, Wine&Star al Castello, Visite guidate ad aziende agroalimentari.

 

Non mancano mostre, proiezioni di corti e performance di urban art per completare un’esperienza multisensoriale. Che ha la sua punta di diamante negli spettacoli serali, che vedono protagonisti il tributo a Miles Davis di Rocco RIccelli Quintet, Carmine Abate accompagnato dal maestro della chitarra battente Cataldo Perri, dal sound etno-folk degli Hantura e dei Kantharos, il rock dei Nobraino, la scoppiettante miscela pop, country, reggae dei Villazuk.

 

E sabato 24 a salire sul palco sarà Paolo Benvegnù, nome di punta della realtà indie rock sulla scena underground italiana, frontman degli Scisma, collaborazioni con Davide Riondino, Stefano Bollani, Petra Magoni, Ares Tavolazzi, Manuel Agnelli ed un ultimo disco, Hermann (2011) , che ha fatto incetta di premi e riconoscimenti, vincendo il Radioindie Music Like, nell’ambito della Indie Music Like, il PIMI 2011, Premio Italiano Musica Indipendente nella categoria “Miglior solista dell’anno”, al Medimex, e si classifica al secondo posto nella Targa Tenco 2011.