Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi, Teatro

Secondo appuntamento per More Fridays con Lucia Calamaro

Scritto da on 22 marzo 2012 – 08:35nessun commento

Venerdì 23 marzo h.21 dopo l’attesissima ed applauditissima rentrèe in Calabria del duo Ricci/Forte, che ha inaugurato la rassegna con Macadamia not Brittle, sarà Lucia Calamaro ad andare in scena al Teatro Morelli di Cosenza con L’origine del mondo. Ritratto di un interno.

Lucia Calamaro, una delle autrici e registe teatrali più interessanti della new generation propone un ritratto a tinte forti del rapporto generazionale nonna-madre-figlia.

Un affondo nell’universo familiare, nei luoghi comuni imperanti così come nei difficili equilibrismi, nella crudeltà e nella ferocia quotidiana ed  in << quel pauroso ‘mal de vivre’ che da spleen a malinconia si ingloba nel termine tecnico di depressione. E, soprattutto, alle strategie domestiche e caserecce che una persona e i suoi cari mettono in atto per attraversarla e uscirne non troppo malandati>>, come scrive la regista.

Quattro episodi, di cui due verranno presentati a Cosenza, per rappresentare una drammaturgia  che scandaglia senza paura nelle viscere per fotografare la sofferenza umana, espressa con rigore implacabile con linguaggio spietato ed ironico insieme.

Un corpo a corpo che si consuma in uno spazio scenico circoscritto dai tradizionali baluardi domestici, frigorifero, lavabo, lavatrice, ed algido nel suo bianco accecante in cui si muovono i tre personaggi, interpretati dalla stessa Calamaro, da Federica Santoro e Daria Deflorian.

Un capolavoro, secondo molti critici. Sicuramente una riscoperta della scrittura drammaturgica e di un teatro ‘militante’, lontano dalle scelte ‘facili’ di una parte del teatro italiano che spesso e volentieri ama fare l’occhiolino al pubblico ma poco avvezzo a scelte -magari meno condivise ma -più coraggiose. (Foto Angelo Maggio)

[nggallery id=3]