Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » gutenberg

La seconda mezzanotte di Antonio Scurati. Venezia 2029, barbarie e apocalissi inaspettate

Scritto da on 22 maggio 2012 – 10:31nessun commento

Mercoledi 23 maggio , ore 15.30, ospite di Gutenberh#10 è Antonio Scurati che presenta la sua ultima fatica letteraria, La seconda mezzanotte.

Nel 2092, l’intero pianeta è distrutto dalla “Grande Onda” provocata dallo scioglimento dei ghiacciai mentre l’Occidente cade progressivamente nelle mani dei cinesi.

Venezia, devastata dalla catastrofe, è stata ricostruita e trasformata dagli orientali nella capitale del vizio, simbolo della decadenza, novella Roma imperiale, in cui domina lo spettacolo dei gladiatori. Il popolo veneziano, ghettizzato, non può più avere figli, e con essi qualsiasi futuro.

Con l’avvicinarsi del Carnevale, apoteosi del divertimento sfrenato e crudele, unica legge di Nova Venezia, il Maestro, capo dei gladiatori, sfida il divieto di procreare, e Spartaco, il miglior gladiatore, tenta di fuggire dalla città

E’ l’ inizio della ribellione e di un estremo atto di resistenza.

Clicca qui per la Presentazione Antonio Scurati

Antonio Scurati è ricercatore alla IULM di Milano e coordina il Centro studi sui linguaggi della guerra e della violenza.

Editorialista del  La Stampa, ha scritto i saggi Guerra. Narrazioni e culture nella tradizione occidentale (2003, finalista al Premio Viareggio) e Televisioni di guerra (2003).

Autore prolifico, Scurati ha scritto Il rumore sordo della battaglia (2006), il suo romanzo d’esordio, i saggi La letteratura dell’inesperienza (2006), Gli anni che non stiamo vivendo (2010) e i romanzi Il sopravvissuto, con cui  ha vinto la XLIII edizione del Premio Campiello, Una storia romantica (2007, Premio SuperMondello).

Il Bambino che sognava la fine del mondo è stato finalista al Premio Strega 2009. Ha partecipato anche alla trasmissione Tv Parla con me.