Primo Piano »

Pietro Grasso inaugura il Tropea Festival L&S. Il programma

9 ottobre 2017 – 13:19 |

“Caro Giovanni, scriverti non è facile, mettere ordine nei tanti pensieri e nelle innumerevoli cose che ho da dirti. C’è quel lieve imbarazzo tipico di quando due vecchi amici, abituati a condividere la quotidianità, fatta di cose grandi e piccole, …

Leggi tutto »
Home » Libri

Clara Sanchez torna in libreria con Sandra e Juliàn. La presentazione a Lamezia Terme

Scritto da on 9 dicembre 2016 – 08:28nessun commento

Venerdi 9 dicembre ore 19 un appuntamento imperdibile alla Libreria Tavella di Lamezia Terme per gli amanti di Clara Sanchez. Che torna in libreria con Lo stupore di una notte di luce  pubblicato da Garzanti in anteprima mondiale, atteso seguito de Il profumo delle foglie di limone.

Un legame importante, quello della Sanchez, una delle più importanti scrittrici spagnole contemporanee, con l’Italia, alimentato da migliaia di copie vendute e da un numero di affezionati lettori e lettrici  con parecchi zeri,  a tal punto da scegliere il nostro paese per la pubblicazione della sua ultima fatica, di cui pubblichiamo in anteprima  l’incipit.

clara-sanchez-scrittrice

Finalmente soli, dissi a Janín mentre attraversavamo il parco tornando verso casa. Quando arrivammo al campo giochi, delimitato da uno steccato colorato, lui iniziò a battere le mani e ad agitarsi. Era diventata un’abitudine lasciarlo seduto per un po’ nella sabbia mentre chiacchieravo con la mamma di Miguel, un bambino che in futuro avrebbe potuto essere suo amico. Da quando Janín era venuto al mondo, tutto era futuro, qualunque azione aveva una conseguenza che, con il tempo, sarebbe ricaduta su di lui. Ogni sera, tornati a casa, quando era ormai completamente esausto, gli facevo il bagno, gli davo da mangiare, lo mettevo nella culla e gli leggevo una favola che ancora non capiva, finché non si addormentava. Anche quella volta andò così. Fu quando tirai fuori dallo zaino i vestiti sporchi per sostituirli con quelli puliti, caso mai Laura, la maestra, avesse avuto bisogno di cambiarlo, che trovai un biglietto. Era un foglio a quadretti, grande come il palmo della mia mano, piegato in due. Lo lasciai accanto alla fruttiera per leggerlo dopo essermi fatta la doccia e aver cenato. Ma quando fu tutto pronto per l’indomani, mi distesi sul divano e mi addormentai davanti al televisore. In lontananza, in un altro mondo, si sentivano il traffico e qualche grido isolato, che mi spinsero a reagire e ad arrivare fino al letto come una sonnambula.

L’autrice spagnola vincitrice dei più prestigiosi premi letterari nel suo paese – il premio Alfaguara con La meraviglia degli anni imperfetti, il premio Nadal con Il profumo delle foglie di limone e il premio Planeta con Le cose che sai di me- torna a raccontare di Sandra e Julián e di una verità sconvolgente che pochi conoscevano. “Lo stupore di una notte di luce è una storia indimenticabile sulla forza delle scelte e il coraggio di non tradirle. Sulla impossibilità di dimenticare il male e sulle colpe che devono essere punite. Una storia di amore e speranza dove nessuno crede che possa essercene ancora”.

Mi hanno sempre detto che sono una buona osservatrice e non lo nego, ma lo sono più con le orecchie che con gli occhi. … Per questo i miei personaggi a un certo punto della storia vengono investiti da una scoperta che segna un capovolgimento nelle loro vite. Alla Sandra di Il profumo delle foglie di limone Julián rivela che i suoi anziani amici non sono ciò che sembrano. Ormai è stato detto, è stato ascoltato e Sandra non può più tornare indietro. Verónica di Entra nella mia vita ascolta frammenti di conversazioni in cui si dice che ha una sorella che è stata rubata a sua madre alla nascita e questo trasforma la sua infanzia in un inferno. A Julia di La voce invisibile del vento gli stimoli che arrivano dall’esterno sono soprattutto parole che la aiutano a svegliarsi dal suo sonno. Patricia di Le cose che sai di mepresta attenzione a una strana donna su un aereo e a partire da quel momento la sua opinione su coloro che la circondano e sui suoi cari cambia radicalmente. In Le mille luci del mattino a Emma tutti i colleghi raccontano storie, bugie e verità, che formano la memoria della Torre di Vetro, dove lavorano. E Fran, di La meraviglia degli anni imperfetti, sta cercando la sua «chica de ayer», la sua ragazza di ieri. (Clara Sanchez)