Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Arte, attualità, Libri

Da Benedetta Tobagi a Milo De Angelis, il MARCA inaugura gli incontri letterari

Scritto da on 15 dicembre 2015 – 08:17nessun commento

E’ Benedetta Tobagi ad aprire, martedì 15 dicembre 2015, ore 17.30, al MARCA di Catanzaro il ciclo di incontri organizzati da Luigi Tassoni, critico, semiologo e storico della letteratura, docente all’Università di Pécs, che, ogni mese, incroceranno storia, arte, scrittura.

Benedetta Tobagi, classe ’77, è giornalista e scrittrice, impegnata da tempo a fianco di associazioni e centri di documentazione del terrorismo e delle mafie, nonchè figlia di Walter 13_benedetta tobagi @20dsc_3759@20copiaTobagi, ucciso nel maggio 1980, dalle Brigate Rosse, al quale ha dedicato Come mi batte forte il tuo cuore. Storia di mio padre, più volte ripubblicato e pluripremiato al pari di Una stella incoronata di buio. Storia di una strage impunita, dedicato alla strage di Piazza della Loggia, a Brescia. Con lei Luigi Tassoni parlerà di Walter, suo padre, e di una stagione, quella degli anni di piombo, che ha fatto decine e decine di morti, sulla quale, nonostante centinaia indagini giudiziarie, analisi e inchieste di studiosi e giornalisti, gravano ancora ombre e nebbie.

Il testimone passa il 14 gennaio 2016 (il 15 per le scuole) a Giulio Angioni, antropologo, allievo di Ernesto De Martino, prestato alla scrittura, considerato insieme a Sergio Atzeni, Salvatore Mannuzzu, e a Marcello Fois, Michela Murgia, uno degli esponenti più interessanti della letteratura sarda contemporanea, che presenta il suo ultimo romanzo, Sulla faccia della terra, nel quale torna indiestro nel tempo, al Medioevo, per raccontare una storia che potrebbe essere di oggi.

Al MARCA  il 16 febbraio arriva anche Milo De Angelis, protagonista indiscusso della scena poetica italiana dei nostri giorni. Vincitore del premio Viareggio 2005 con Tema dell’addio, si divide fra l’attività  di traduttore, tra gli altri di Baudelaire, Racine, Virgilio, Eschilo, e quella de-angelisletteraria, in  un costante lavoro di ricerca e valorizzazione delle nuove voci della poesia contemporanea. E di scrittura, poesia, antica e moderna, e della sua ultima raccolta di liriche, Incontri e agguati, nella quale torna a celebrare la ‘cerimonia incessante’ della morte e del suo rapporto con la parola, De Angelis discuterà con Tassoni nell’incontro catanzarese

«Riappare quel giorno immobile/ sul sentiero dell’estinzione/ e noi siamo la forma destinata/ a quel gesto magistrale:/ ricordo solo il bacio/ che diventò strage cieca e senza tempo» (M. De Angelis).

Ultimo appuntamento letterario con Marina Mander, autrice di una manciata di libri fuori dagli schemi, che hanno ricevuto una buona accoglienza dal pubblico, anche di là dall’Oceano, e da ultimo in libreria con Nessundorma e Il potere del miao, che, attraverso una storica partita di calcio, Francia-Italia 2006, e una incursione nel mondo dei nostri felini domestici, svela in chiave metaforica una mattia preticondizione umana, sempre in bilico tra il dovere e il piacere, la quotidianità e la visione (8 marzo).

Chiude questo ciclo di seminari una tavola rotonda sull’arte di Mattia Preti, dal disegno al dipinto e ritorno (13 maggio), cui parteciperannoanche  Alexander Debono, storico dell’arte e curatore del National Museum of Fine Arts de La Valletta, Giuseppe Mantella, restauratore e studioso dell’opera dell’artista di Taverna (Cz), Rocco Guglielmo, direttore artistico del MARCA nonchè presidente della Fondazione Guglielmo.