Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Libri

Dalla rete il caso letterario dell’anno, Se Steve Jobs fosse nato a Napoli

Scritto da on 18 febbraio 2012 – 07:34nessun commento

Sabato 18 febbraio 2012 alle ore 18,30 la Libreria Ubik di Catanzaro Lido ospita Antonio Menna, autore di “Se Steve Jobs fosse nato a Napoli”, edito da Sperling & Kupfer, il caso letterario esploso qualche mese fa sulla rete ed oggi in vetta alla classifica dei libri più venduti.

 

<<Mettiamo che Steve Jobs sia nato in provincia di Napoli. Si chiama Stefano Lavori. Non va all’università, è uno smanettone. Ha un amico che si chiama Stefano Vozzini. Sono due appassionati di tecnologia, qualcuno li chiama ricchioni perché stanno sempre insieme». A differenza del patron della Apple, però, Stefano non riuscirà a realizzare il suo sogno.

Una fiaba amara ma anche esilarante, per dimostrare che, probabilmente, in Italia la Apple non sarebbe mai nata e “ forse Steve Jobs sarebbe finito a vendere le pezze al mercato”.

Perché è difficile far valere competenze e valore dove imperano corruzione, pastoie burocratiche, criminalità, difficoltà (impossibilità, anzi) di accedere al credito. Una realtà quella napoletana, che Menna conosce bene, analoga a quella di altre città italiane, come rivelano le centinaia di post arrivati al blog dello scrittore da ogni parte del Bel Paese.

Antonio Menna, potentino <<per caso>> come tiene a precisare, è blogger (antoniomenna.wordpress.com). e giornalista.

Ha lavorato per II Mattino, il Manifesto, Liberazione, Aprile, Avvenimenti , pubblicato una raccolta di racconti e due romanzi “Cocaina e cioccolato”  e “Baciami molto”.