Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Libri

Francesco Guccini, viaggio nella memoria in forma di dizionario, presentato a Cosenza

Scritto da on 18 maggio 2012 – 17:24nessun commento

Lunedì 21 maggio 2012 ore 18.00 all’ Officina delle Arti, Via Carducci, 16, Cosenza, su iniziativa della Libreria Mondadori,  Ugo G. Caruso, studioso di cultura di massa e frequentatore di lunga data dell’opera gucciniana, presenta il libro Dizionario delle cose perdute, di Francesco Guccini.

<<Le balere, il cinema in cui si entrava a qualsiasi ora, la naia di diciotto mesi, la maglia di lana, i calzoni corti, il lattaio a domicilio, i postini di campagna, il bigliettaio del tram, la ghiacciaia, il flit, i bagni nel fiume, i treni a vapore, la Topolino, le sigarette sfuse, il caffè d’orzo, i liquori fatti in casa, il telefono duplex, i giochi in disuso, i riti di iniziazione alla bicicletta e al ballo.

Luoghi, figure, oggetti, alimenti, indumenti, abitudini, passaggi di età che appartengono ad un mondo ormai remoto eppure  a noi ancora così prossimo o per ricordi personali o perché continuamente evocati dall’esperienza di quanti più avanti negli anni, ne furono  segnati nel bene e nel male. Cose lontane sempre presenti, insomma.

Le evoca ad una ad una con quel pizzico di inevitabile nostalgia mescolata però a tanta ironia, Francesco Guccini nel suo Dizionario delle cose perdute, uscito di recente con successo per Mondadori, attingendo ai ricordi della sua infanzia e adolescenza, trascorse tra Pavana nell’Appennino Toscoemiliano, Modena e infine Bologna. La stessa materia che ha ispirato la sua quarantennale produzione di cantautore e più di recente di scrittore, in singolo o in coppia col giallista Loriano Machiavelli>>.

Nella intenzione degli autori, non un semplice incontro  di presentazione di un prodotto editoriale, ma piuttosto un momento di rievocazione collettiva delle proprie esperienze, di un <<passato di cosentini e di calabresi che ha una sua evidente specificità, sebbene  accumunata dall’appartenenza ad un’ Italia per tanti versi ancora rurale ed arcaica>>, molto vicina a  quella della ‘bassa’ (Padana) descritta da Guccini.

Dunque una serata all’ insegna della memoria, tentativo di “scrivere” una pagina di microstoria orale attraverso aneddoti e ricordi  tratti dal proprio vissuto e raccontati con brio e leggerezza. Non a caso il titolo scelto è quello di Dizionario delle cose perdute di Francesco Guccini ( ma anche di quelle di noialtri cosentini).

A conversare con lui del libro e di tutto il resto, Ugo Caruso ha invitato due protagonisti della vita culturale cittadina, Franco Araniti, poeta, autore dei testi dell’ultimo lavoro discografico dei Dedalus, “Ammasca” che sarà presentato a Sanremo nella prossima edizione del Club Tenco, e Massimo Veltri, docente presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università della Calabria, già senatore DS, noto per le sue frequenti incursioni in campo musicale. Ad arricchire ulteriormente l’occasione, già suggestiva sono previsti pure gli intermezzi musicali di Gianfranco Molinaro che alternandosi agli intervenuti,  riproporrà  alla chitarra alcuni brani del repertorio gucciniano.