Primo Piano »

ALTROVE Festival, e Catanzaro diventa l’ombelico del mondo della street art

30 giugno 2017 – 10:48 |

Ogni luogo porta con sé un’impronta in cui si condensano ciò che è stato, ciò che è e ciò che sarà, visibile e invisibile, luce e ombra. Una impronta percepibile tra i muri di pietra, tra strade labirintiche su cui …

Leggi tutto »
Home » Libri

Gianni Amelio:scrivere è una scommessa. A Catanzaro la presentazione del suo libro, Politeama

Scritto da on 16 dicembre 2016 – 08:15nessun commento

Torna nella sua terra, la Calabria, nei luoghi in cui è nato e ha trascorso la sua infanzia, Gianni Amelio che il prossimo 16 dicembre alle 18 sarà alla Casa delle Culture di Catanzaro, ospite del Circolo Placanica, per presentare il romanzo che segna il suo debutto letterario, Politeama.

Amelio, che nel corso di oltre quarant’anni di carriera, ha firmato autentici gioielli, da Il piccolo Archimede e La città del sole (per la Tv) a Colpire al cuore, Lamerica, Così ridevano, Porte aperte (candidato all’Oscar), Le chiavi di casa, Il primo uomo (dedicato a Camus) e collaborato con registi come Vittoriogianni-amelio De Seta e Liliana Cavani, è uno dei registi italiani più acclamati in patria, dove ha ottenuto numerosi e prestigiosi riconoscimenti, dal David ai Nastri d’argento al Leone d’oro, e all’estero.

Con Politeama, edito da Mondadori (ne ho parlato qui), Amelio ritorna alla passione di sempre, la scrittura (una scommessa, sostiene), e alla sua infanzia di povertà e rabbia, di coraggio e riscatto, tema percorso più volte nei suoi film e affrontato compiutamente solo ora che ha oltrepassato la soglia dei 70 anni, ha rivelato pubblicamente la sua omosessualità, ha superato scogli e tempeste uscendone vivo. Questa volta usa gli strumenti che gli sono più congeniali, le parole, per riavvolgere il filo del passato da un’altra angolazione, tra ricordi, immagini indelebili, emozioni, disvelamenti e stupore. Un filo che continua ad annodare anche al cinema, nella sua ultima pellicola, La tenerezza, che vedrà la luce nelle sale a febbraio del 2017.

politeama-cop

Il titolo è un omaggio alla sala dove sono nato come spettatore, ma il cinema questa volta non c’entra. Politeama è la vicenda immaginaria di un ragazzo ostinato e avventuroso, che supera con spavalderia ogni difficoltà che gli si para davanti, inseguendo un sogno quasi impossibile. In testa al libro ho voluto mettere una frase di Mark Twain, che descrive bene il mio rapporto con questa figura di adolescente pieno di energia: Eravamo gemelli. Da piccoli uno di noi due è annegato. Ma non ho mai saputo se era lui o ero io. Sicuramente è lui che attraversa con passo veloce la sua adolescenza, e io la racconto come fossi sott’acqua.