Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Libri

Giovani scrittori crescono: alla Ubik di Catanzaro arrivano Formaggi, Marsullo e Piccirillo

Scritto da on 18 agosto 2014 – 16:17nessun commento

Sono tra gli scrittori delle ultime generazioni più acclamati degli ultimi anni. Stiamo parlando di Francesco Formaggi, Marco Marsullo e Paolo Piccirillo che saranno a Catanzaro martedì 19 agosto presso la Pro Loco sul Lungomare di Catanzaro Lido e mercoledì 20 nello splendido scenario de La Rotonda a Copanello (Cz).

 

francesco formaggiInsieme non fanno neanche un secolo questi tre trentenni che in poco tempo hanno inanellato un successo dopo l’altro. Francesco Formaggi con Birignao ha vinto il premio Creatività della Scuola Holden e con Il casale (Neri Pozza) tenta la doppietta con una storia che veleggia verso il fantastico e il noir, in cui la deformità fisica diventa specchio della deformità sociale.

 

 

Poi c’è Marco Marsullo che dopo il fortunato esordio con Atletico Minaccia Football Club, torna in Marsullo-140_referencelibreria con il suo secondo romanzo dal titolo chilometrico,  L’AUDACE COLPO DEI QUATTRO DI RETE MARIA CHE SFUGGIRONO ALLE MISERABILI MONACHE (Einaudi Stile Libero), favola surreale, protagonisti quattro vecchietti ancora vispissimi in missione (esplosiva) nella Capitale con un obiettivo da colpire…

 

 

paolo piccirilloE infine, dulcis in fundo, c’è uno dei talenti più promettenti degli ultimi anni, Paolo Piccirillo, nato a Santa Maria Capua Vetere neanche trent’anni fa e già proclamato tra i migliori scrittori under 30 da diverse testate specializzate. Qualche mese fà è entrato tra i finalisti dello Strega con La terra del sacerdote (Neri Pozza) che si è ispirato anche a una canzone di Rino Gaetano per la figura di uno dei protagonisti di un libro terragno e arcano, dai profondi simbolismi.