Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Libri, Musica

Il folk, la musica ribelle, in un libro di Goffredo Plastino

Scritto da on 17 giugno 2016 – 08:23nessun commento

All’inizio furono i Re Niliu. Una band, ma soprattutto un metodo, quello della ricerca sul campo nelle tradizioni musicali del Sud d’Italia, ascoltando i suonatori tradizionali, studiando gli strumenti, il tutto pazientemente ripreso, fotografato, catalogato. Sulle orme di Lomax e Carpitella, che riuscirono a documentare l’enorme ricchezza della musica etnica italiana. Poi l’esperienza con i Re Niliu si chiuse ma a Goffredo Plastino la passione per questo genere di musica non è passata.

Alan-Lomax_copAnzi, ne ha fatto il suo lavoro visto che insegna Etnomusicologia alla Newcastle University, presiede l’International Association for the Study of Popular Music, travasando i frutti delle sue ricerche in alcuni saggi, che percorrono scritti e documenti di Alan Lomax (L’anno più felice della mia vita) le sue riflessioni sulla musica popolare (Made in Italy, insieme a Franco Fabbri) o analizzano il mondo criminale nell’immaginario musicale collettivo (Cosa Nostra Social Club), tutti pubblicati con il Saggiatore.

Oggi Plastino, calabrese di Catanzaro, torna all’antico amore in La musica folk, ancora per i tipi de il Saggiatore, in cui  raccoglie documenti, saggi, interviste, approfondimenti che intendono riflettere la ricchezza, la complessità e le contraddizioni della folk music, che cinquant’anni fa si propose al pubblico come uno dei processi culturali tra i più intensi e fertili in Italia, tra tradizioni musicali, reinterpretate e reinventate, istanze di protesta, ricerca. Un’onda che sia pur con diversa intensità arriverà sinlomax3o a noi in tutta la sua portata deflagrante, fino all’attuale revival delle danze (pizzica, tarantella) e degli strumenti della tradizione, che imperversa soprattutto tra i giovani,  assidui frequentatori di festival, laboratori di canti e danze, eventi vari.

La prima parte del ponderoso testo, che si snoda tra oltre milleduecento pagine, raccoglie analisi e dibattiti sul folk revival anni ’60. Si prosegue con interviste e discussioni con i protagonisti di quella stagione irripetibile e una selezione di contributi. Il saggio è chiuso da un atlante ragionato del folk revival nelle regioni italiane. L’intento è quello di ricostruire un’epoca ma anche di dare il dovuto spazio alla produzione di quanti -singoli e gruppi- hanno superato il giro di boa del Terzo Millennio, contribuendo a costruire il presente della musica folk. Produzioni colpevolmente sottovalutate qui da noi, al contrario di quanto avviene nel resto d’Europa, e sovente affidate al regno dei luoghi comuni.

lomax_cinquefrondi_aug1_1954Il folk, spiega Plastino, è tuttavia fenomeno più ampio di quanto si sia teorizzato. Dentro si muovono Carpitella e Profazio, ma anche Pippo Franco e Little Tony, il Circolo Bosio e Canzonissima. Un susseguirsi di volti, scritture, immagini che compongono un quadro abbastanza inaspettato. Ma in cui si intravedono pure i molteplici e stratificati percorsi di un genere che ne hanno decretato nel tempo la permanente vitalità.

(Le foto sono state scattate da Alan Lomax nel suo viaggio in Italia)