Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Libri

Il poeta americano Jack Hirschman in un reading al mercato coperto di Sambiase

Scritto da on 14 ottobre 2011 – 09:47nessun commento

L’associazione culturale cantinArtaud di Lamezia Terme, in collaborazione con la Casa della Poesia di Baronissi (Salerno), organizza un incontro-reading con il poeta statuntense Jack Hirschman, una delle più alte voci della poesia e della controcultura del Nord America, di ritorno dalla X edizione degli Incontri internazionali di poesia di Sarajevo dello scorso Settembre.

L’iniziativa è stata pensata e strutturata in due momenti distinti ma al tempo stesso contigui. Uno spazio pomeridiano, martedì 18 ottobre alle ore 18.30, in cui Jack Hirschman si racconterà al pubblico, in cui racconterà soprattutto le ragioni della sua poetica, il senso profondo politico e sociale del suo fare poesia. Interverranno nella conversazione Laura Corradi sociologa delle Differenze di Genere presso l’Università della Calabria, Luigi Bianco poeta amodale, insieme a Giovanni Orlando Muraca di cantinArtaud e Sergio Iagulli della Casa della Poesia. In serata, alle ore 21.00, in un reading di poesie dal sicuro impatto emozionale, Hirschman proporrà una selezione di componimenti personali e di alcuni altri poeti contemporanei insieme e delle vere e proprie perle dalla preziosa collana della sua opera più importante: Arcanes.

Gli Arcanes rappresentano, nella vasta produzione poetica di Jack Hirschman, un elemento fondamentale e straordinario, la punta più avanzata della sua ricerca. Si tratta di 126 lunghi componimenti orchestrati, raccolti in più di trent’anni di ricerca poetica, che fondono l’impegno politico e i temi sociali, sempre presenti nella sua poesia, con la tradizione della cabala, procedimenti di scrittura surrealista, associazioni mentali, balzi temporali, riferimenti e vicende personali. Gli Arcanes guardano al mondo e alla storia, agli accadimenti, alle modificazioni della contemporaneità, al declino e all’agonia della civiltà occidentale, al ruolo dei nuovi sistemi di comunicazione, alle lotte dei nuovi movimenti, all’orrore delle guerre mai giuste. Hirschman riesce però sempre a dare un segno di speranza, fiducioso com’è negli uomini e soprattutto nella poesia.

L’incontro si terrà in quello che appare come un non-luogo della cultura, almeno intesa in senso stretto: i locali del Mercato Coperto di Sambiase. Uno spazio vocato ad altro, luogo di scambi di prodotti e di esperienze, terreno di cultura popolare e quotidiana, ma che per una magica sera ospiterà un evento straordinario. La scelta “anomala” del Mercato di Sambiase risponde, nelle intenzioni degli organizatori, a una doppia esigenza quella di spostare il fuoco della diffusione della cultura dalla centralità di Nicastro e dai salotti a essa deputati e, soprattutto, di avvicinare e consegnare il bene della poesia a nuovi, disabituati, segmenti di tessuto sociale.

Jack Hirschman è nato il 13 dicembre 1933 a New York nel Bronx. Nel 1953 invia suoi primi racconti a Ernest Hemingway che risponde incoraggiandolo a continuare a scrivere e gli suggerisce di leggere Stephen Crane, Guy de Maupassant, Ambrose Bierce, Gustave Flaubert e il primo Tomas Mann. Anni dopo, alla morte di Hemingway, la Associated Press ne diffonde la lettera che viene pubblicata sui giornali di tutto il paese come Lettera a un giovane scrittore.

Professore di inglese alla UCLA di Los Angeles dal 1961, ha Max Schwartz e Jim Morrison fra i suoi studenti. La guerra del Vietnam comincia nel 1965 mentre Hirschman è in Europa. Tornato negli Stati Uniti riprende l’insegnamento alla UCLA e dà vita ad una serie di proteste e manifestazioni contro la guerra. Per queste attività definite ‘contro lo Stato’ viene licenziato dalla UCLA nel 1966.

Dal 1980 lavora come attivista culturale con un gruppo di poeti fra cui Luis Rodriguez, Michael Warr, Kimiko Hahn, Sarah Menefee, Bruno Gullì, fino al volontario scioglimento del gruppo nel 1992. Dirige Compages, una rivista internazionale di poesia rivoluzionaria spedita in 50 paesi a gruppi rivoluzionari e ad organizzazioni culturali.

Fin dalla metà degli anni ’50 è in contatto con i poeti della beat-generation (alla quale è stato a volte associato) dai quali però si differenzia per le sue posizioni politiche. Pur amico di Allen Ginsberg, Gregory Corso, Bob Kaufman e di tutti gli altri poeti beat, dissente da quella che ritiene una rivoluzione “borghese”, mentre si sente più vicino politicamente ai movimenti radicali afroamericani e culturalmente  al poeta Amiri Baraka.

Dal 1972 Hirschman comincia a scrivere i suoi poemi lunghi che chiama Arcanes e nel corso di più di trent’anni ne scriverà oltre 120. Hirschman descrive gli Arcanes come la trasformazione dialettica materialistica di materiali spesso alchemici o mistici. Essi si sforzano di portare avanti il significato spirituale del pensiero e del sentimento dialettico in un senso personale e politico.

Ha pubblicato più di 100 libri e opuscoli di poesia, saggi e traduzioni da nove lingue. Fra i suoi libri di poesia più importanti: A Correspondence of Americans (1960), Black Alephs (1969), Lyripol (1976), The Bottom Line (1988), Endless Threshold (1992), Front Lines (2002), I was Born Murdered (2004), All That’s Left (2008). Nella sua intensa opera di traduttore troviamo autori come: Majakovsky, Sarah Kirsch, Pier Paolo Pasolini, Rocco Scotellaro, Paul Laraque, Paul Celan, Martin Heidegger, Pablo Neruda, Natasha Belyaeva, Stéphane Mallarmé, Anna Lombardo, Alexei Kruchenykh, Ismael Ait Djafer, Alberto Masala, Ferruccio Brugnaro, Katerina Gogou, Luisa Pasamanik, Nichi Vendola, Alfonso Gatto. È stato curatore e traduttore nel 1965 della prima importante antologia di Antonin Artaud pubblicata negli Stati Uniti da City Lights Books, opera che avrà un’influenza grandissima su molti intellettuali, scrittori, gruppi teatrali (su tutti il Living Theatre).

Il rapporto di Hirschman con l’Italia è di lunga data. La poesia che dà titolo al suo primo libro, A Correspondence of Americans, fu pubblicata a Roma nel 1958, due anni prima che negli Stati Uniti. Nel 1992, durante un tour in Italia, ha origine il sodalizio con la Multimedia Edizioni e la Casa della Poesia di Baronissi/Salerno. Hirschman è tra i primi poeti di livello internazionale ad aderire al progetto di Casa della Poesia partecipando a molti dei suoi Incontri internazionali (Salerno, Napoli, Baronissi, Amalfi, Pistoia, Trieste, Reggio Calabria, Sarajevo). Nel 2006 riceve a Reggio Calabria il Premio “Città dello Stretto” e nel 2007, a Salerno, il Premio “Alfonso Gatto”. Nel maggio 2007, ancora a Salerno, gli appassionati possono ammirarlo in un reading di enorme successo, con l’amico Lawrence Ferlinghetti e a giugno 2008 con Michael McClure. In occasione del suo 75º compleanno la città di Baronissi (SA) gli ha assegnato la cittadinanza onoraria. Multimedia Edizioni pubblica il corpus più significativo delle opere di Hirschman tradotte in italiano: Soglia Infinita (1992), Arcani (2000), 12 Arcani (2004), Volevo che voi lo sapeste (2004). Nel 2006 pubblica, in inglese, l’intera raccolta degli Arcani in un’opera monumentale di 1000 pagine.

Il suo ultimo libro All That’s Left è stato pubblicato dalla City Lights Books di San Francisco. Negli Stati Uniti ha anche recentemente pubblicato il volume Magma che raccoglie le sue traduzioni di poesie di Alfonso Gatto.