Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Libri, Primo Piano

Il Salone del Libro di Torino 2012 parla calabrese

Scritto da on 11 maggio 2012 – 10:42nessun commento

E’ partito il 25° Salone Internazionale del Libro di Torino, la più grande kermesse italiana di editoria ed una delle più importanti nel mercato internazionale, che resterà aperto da giovedì 10 sino a lunedì 14 maggio.ì

Tema conduttore dell’edizione 2012 è Primavera digitale, ossia la tecnologia al servizio dell’editoria, che propone nuovi progetti ed il debutto di alcuni player internazionali come Amazon e Nokia.

 

1.200 gli espositori, 71 case editrici, con una nutrita rappresentanza delle calabresi da Rubbettino (che festeggia al Salone i suoi 40 anni di attività) a Città del Sole ad Alicebook a Falco editore, TS, La Bottega editoriale.

 

Ricchissimo il programma di eventi, dibattiti, iniziative rivolte al pubblico di lettori più giovani, incontri con autori ed editori.

 

Ospite della kermesse anche il calabrese Carmine Abate, uno dei più interessanti ed apprezzati scrittori italiani, che venerdì 11 conduce il Seminario Viaggi, radici, sguardi e memorie: scrivere per “custodire la metamorfosi”, e domenica 13 sarà  al padiglione della Regione Calabria per presentare il suo ultimo romanzo, La collina del vento (ed. Mondadori), storia di una famiglia calabrese che percorre il Novecento, dalla Prima guerra mondiale ai giorni nostri, che attraverso tre generazioni passa il testimone dell’amore e della cura verso la ‘terra’, colma di bellezze e di segreti, da custodire e sottrarre alle attenzioni pericolose dei latifondisti prima e delle holding dell’eolico, poi. Diverse le facce, non dissimile la rapacità. Nel corso del suo reading Abate è accompagnato dal musicista Cataldo Perri.