Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Libri

La cultura italiana nel dopoguerra per Masolino D’Amico al K di Cuori a Catanzaro

Scritto da on 31 maggio 2013 – 11:24nessun commento

Venerdì 31 maggio 2013, ore 18.30 K di Cuori in Via M. Ippoliti a Catanzaro presenta Masolino D’Amico, scrittore, traduttore, critico letterario, figlio di Suso Cecchi D’Amico e nipote del grande Emilio Cecchi, e la sua ultima fatica letteraria, Persone speciali.

persone speciali copIl libro, edito da Sellerio, con una Introduzione di Andrea Camilleri, è una galleria di ritratti dei protagonisti del mondo dello spettacolo dal dopoguerra ai giorni nostri.

 

Da Anna Magnani a Visconti, da Nino Rota ad Alberto Sordi a Ennio Flaiano, D’Amico evoca un tourbillon di figure  segnate da una naturalezza e venati di una umanità immediate, colte nella loro quotidianità.

 

«Per spiegare in qualche modo il taglio dei ritratti – scrive Andrea Camilleri – Masolino scriveva che lui si era limitato a cogliere la faccia che la persona mostrava al mondo, la maschera. E queste maschere Masolino era riuscito a condensarle in una sola parola: Visconti, l’autorevolezza; Zavattini, la fantasia; Rossellini, il fascino; Lancaster, l’intelligenza e via di questo passo. Azzeccandoci sempre, in quest’arte difficile di condensare all’estremo. Ma che c’entra la gioia della lettura? Beh, forse per la rara eleganza della scrittura, per la sua calviniana leggerezza, per la fulminea capacità di cogliere certi aspetti dei personaggi con affabile ironia, e anche e forse soprattutto perché lo scopo sottinteso di quei ritratti era di non costringerci a un giudizio, semmai obbligarci a capire».