Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Libri

La rivoluzione di Generazione Rosarno

Scritto da on 25 novembre 2015 – 08:10nessun commento

Si possono condividere giochi, sogni, energie, scuola, progetti, presente e futuro con altri bambini dalla vita segnata dall’essere “figli dei clan”?  Si può nascere, e crescere, in una famiglia di ‘ndrangheta e sognare un destino diverso, per sè e i propri figli? Si può desiderare una vita non dominata dal sangue, dalla violenza, dalle regole della ‘famiglia? Naturalmente la risposta è si. Lo spiega Serena Uccello nel suo libro libro, Generazione Rosarno (Melampo editori),

viaggio all’interno di una terra tenuta sotto scacco dalla criminalità organizzata e di una generazione rosarno copgenerazione che è riuscita a superare steccati e pregiudizi, che verrà presentato, dopo l’anteprima rosarnese, il prossimo 25 novembre ore 16,30, al Complesso Monumentale di Santa Chiara, sede del  Sistema Bibliotecario Vibonese.

Rosarno città di frontiera, come Napoli e come Palermo. Dove la scuola può fare la differenza. Insegnando alle nuove generazioni a decifrare la complessità del mondo, mostrabdi gli strumenti per districarsi nella foresta della nostra quotidianità, a distinguere tra una visione delle cose veloce e a portata di mano e una in cui predominano il senso di responsabilità verso sè stessi e gli altri e l’impegno per un mondo diverso.

Serena Uccello, palermitana, giornalista de Il Sole 24 Ore, per il quale si occupa di lavoro e Mezzogiorno e pubblicato interessanti reportage su contraffazioni, riciclaggio, criminalità organizzata, ha percorso il viaggio al contrario, da Milano alla Piana, per raccontare le storie dei ragazzi del Liceo Piria di Rosarno e della loro Preside, Maria Rosaria Russo.

Lo stridore tra il senso d’abbandono trasmesso da marciapiedi inesistenti, facciate scrostate, edifici a metà, e l’ordine della scuola è reale. Quando fuori tutto sembra casuale, tanto dentro tutto appare organizzato. Una contrapposizione palpabile. Da una parte il paese, dall’altra la scuola. E per quanto la seconda sia parte integrante del primo, in fondo è un corpo a sé. I ragazzi esauriscono a scuola la quasi totalità del loro tempo. La sua capacità aggregativa in questo luogo, è la migliore delle azioni antimafia. Un fortino appunto, dentro il quale i ragazzi vengono protetti e tutelati. In mezzo le famiglie, la famiglia.

Un fortino nel quale tutti, i figli dei boss e quelli dei collaboratori di giustizia convivono con le generazione_rosarno 2vittime, in una terra di mezzo, una volta tanto specchio non dell’ illegalità ma dei desideri, dei sogni, dei dolori di ragazzi come tanti, visti nella loro umana essenza e non nella loro appartenenza, a un territorio o a una famiglia, poco importa.

Il liceo rosarnese diventa allora esempio reale di buona scuola, fuori dalle derive burocratiche e spersonalizzanti, capace di tornare sui sui passi, al  ruolo che le è proprio di strumento per imparare a leggere il mondo e di emancipazione. Una scuola accudente e che sostiene quando l’attrito tra i due mondi è forte e ti senti andare giù in caduta libera.

…quando la scuola riesce a far passare il messaggio che non esiste una predestinazione al male ma che ognuno ha in se stesso la capacità per ribaltare il proprio destino. Quando l’istruzione non è trasferimento di capacità formali e tecniche, utili solo a creare perfetti colletti bianchi al servizio della criminalità, ma formazione degli individui, o meglio formazione di individui liberi. (Serena Uccello, Intervista)

Non è facile far dialogare due modelli, due visioni del mondo. Non è facile spiegare perchè ti ritrovi nello stesso carcere in cui è detenuto tuo padre. Non è facile dare voce a quel che provi di fronte al corpo di tua madre, pieno di acido muriatico.  Non è facile narrare lo scempio di un territorio bellissimo, invaso dal cemento e dalla incuria. Non è facile raccontare con le parole che conosciamo la tragedia di una comunità che vede infrangere i suoi sogni contro un muro che si è costruita da sè.