Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Cinema, Libri, Musica

Magna Grecia Film Festival #11 ricorda Massimo Troisi

Scritto da on 18 luglio 2014 – 18:42nessun commento

Una splendida Audrey Hepburn fa capolino dalla locandina del Magna Grecia Film Festival 2014, che apre una finestra sul cinema italiano dal 26 luglio al 3 agosto nell’Arena di Piazza Brindisi a Lido di Catanzaro, alla ricerca di chi si affiancherà ai Rossellini, ai Visconti, ai Pasolini, ai Germi.

troisi cinemaEdizione numero 11 per la manifestazione diretta da Gianvito Casadonte, che guarda ai movimenti carsici della nostra società attraverso il cinema ma getta anche uno sguardo indietro alla nostra filmografia d’autore con l’omaggio a Massimo Troisi, vent’anni dopo la sua scomparsa, con la proiezione il 1 agosto di Massimo. Il mio cinema secondo me, progetto presentato lo scorso anno alla Festa internazionale del Film di Roma, che nasce dal desiderio di documentare, attraverso materiali e testimonianze inedite, l’idea che Troisi aveva del cinema, il suo ruolo e la sua responsabilità come autore, la sua concezione registica e produttiva. Un viaggio all’interno della leggerezza poetica di cui sono intrisi i suoi film ma anche del metodo di lavoro meditato e rigoroso, dell’uso delle pause e della battuta, mai gratuita, della tensione verso la “ricerca assoluta della purezza”, come afferma Lello Arena in una delle interviste, impreziosite dalla musica di Pino Daniele.

 

Massimo ci ha abituato a cercare all’interno delle soluzioni dei punti di vista che erano assolutamente straordinari. Ha spostato in avanti, come dire, l’asticella per tutti quanti noi, ci ha costretto a saltare molto più in alto di quanto mai avremmo saltato e ci ha abituato a un progetto d’arte e di vita epico ed etico. (Lello Arena).

 

A aprire la rassegna sarà il 26 luglio Ti ricordi di me, seconda prova alla regia di Rolando Rovello, commedia romantica metafora della (im)possibilità dell’essere coppia.

 

Arrivano al MGF anche il felice film d’esordio del regista friulano Matteo Oleotto, che ha riscosso un discreto successo all’ultima Mostra del Cinema di Venezia con Zoran il mio nipote scemo, protagonista uno dei nostri migliori attori in assoluto, Giuseppe Battiston (27 luglio) e Il venditore di medicine, di Antonio Morabito, con Claudio Santamaria e Isabella Ferrari, che entra nel mondo corrotto della (mala) sanità italiana per svelare cosa c’è dietro il mondo dorato delle case farmaceutiche e di una classe medica che accetta regali e favori in cambio della prescrizione di farmaci, che nulla hanno di diverso da omologhi, se non il prezzo (ovviamente più elevato). La storia di Bruno e della sua azienda precipitata nella crisi incarnano tòpoi purtroppo diffusi nella realtà di tutti i giorni (28 luglio).

 

 

Il Festival ospita anche il reggino Fabio Mollo e il suo film culto, Il Sud è niente, approdato nei maggiori festival nazionali e internazionali, nei quali ha fatto incetta di premi, e Pif, autore e regista di La mafia uccide solo d’estate, che racconta omertà e connivenze di fronte alla piovra mafiosa e la storia di chi da decenni vi si è opposto e si oppone, con gli occhi attoniti di un bambino che diventa adulto, consapevole che tra bene e male è possibile ergere un profondo steccato (29 e 30 luglio).

 

Nelle serate successive verranno proiettati La mossa del pinguino, di Claudio Amendola, e Song ‘e Napule dei Manetti Bros che firmano song e napuleun film esilerante che saccheggia nei B-movie degli anni ’70 per restituire una storia fresca e senza pretese che scorre sotto il Vesuvio in una quotidianità fatta di (normali) storie di camorra, monnezza, canti neomelodici (31 luglio – 1 agosto).

 

Arrivano da Roma, Agrigento, Pentone (Cz), e Crotone i membri degli Inverso, la band che si muove nella Capitale, mix tra background culturali e musicali eterogenei, protagonisti del film La pioggia che non cade, proiettato al MGF il 29 luglio con la presenza della stessa band.

 

Diversi gli eventi collaterali, che proporranno proiezioni di corti, incontri e reading, organizzati in collaborazione con la Libreria Ubik. Serata finale il 3 agosto con il live di Cristiano De Andrè.