Primo Piano »

Pietro Grasso inaugura il Tropea Festival L&S. Il programma

9 ottobre 2017 – 13:19 |

“Caro Giovanni, scriverti non è facile, mettere ordine nei tanti pensieri e nelle innumerevoli cose che ho da dirti. C’è quel lieve imbarazzo tipico di quando due vecchi amici, abituati a condividere la quotidianità, fatta di cose grandi e piccole, …

Leggi tutto »
Home » Libri, Musica, Video

Massimo Volume in concerto all’Unical

Scritto da on 28 febbraio 2014 – 11:22nessun commento
Arriva la musica al Teatro Auditorium Unical che per l’occasione si fa…in due proponendo, accanto alla stagione teatrale, tre appuntamenti musicali con altrettante band di primo piano nel panorama musicale italiano, come Brunori Sas (27 marzo) e Le luci della centrale elettrica (7 aprile).  La rassegna verrà inaugurata  mercoledì 5 marzo dai Massimo Volume, che tornano a distanza di tre anni in Calabria  con il loro nuovo album Aspettando i barbari.

I Massimo Volume, al secolo  Vittoria Burattini alla Batteria, Percussioni, Voce, Emidio Clementi alla Voce e Testi, Bassi, Sintetizzatore, Stefano Pilia alle Chitarre, Bassi, Sintetizzatori, Egle Sommacal alle Chitarre e Voce, rappresentano quanto di meglio ha sfornato negli ultimi 20 anni la scena rock italiana. Nati agli inizi degli anni ’90, iniziano subito a dar parlare di sé per la loro musica potente, i testi curatissimi, in buona parte autobiografici, i ritmi incalzanti, il suono inconfondibile. 

Poi arrivano la collaborazione con Manuel Agnelli (Afterhours), gli spettacoli teatrali , le colonne sonore  (Almost Blue) sino al 2002, l’anno in cui il sodalizio si scioglie.

massimovolume

Sei anni dopo, i Massimo Volume sono ancora una volta in pista, insieme alla new entry Stefano Pilia, e lo fanno con una eccezionale serata con Patti Smith e gli Afterhours e la sonorizzazione de La Caduta Della Casa Degli Usher, suggestivo progetto realizzato per conto del Museo del Cinema di Torino e messa in scena (sempre a Torino) alle Officine Grandi Riparazioni (OGR).

 

Dopo, il cammino è tutto in salita grazie ai nuovi lavori, il live Bologna Nov. 2008, Cattive abitudini (2010) che ottiene una straordinaria accoglienza da pubblico e critica e diversi premi, e Aspettando i barbari (2013), un album invaso

da un’inquietudine incombente, che porta con sé echi di guerra e di distruzione ….. mentre oltre le imposte della stanza si agitano i fantasmi di Buckminster Fuller e di Vic Chesnutt, di John Cage e di Danilo Dolci, a ricordarci che il mondo è utopia e possibilità, il sale della vita.

 

Un disco in cui l’uso dell’elettronica e le ritmiche sovrapposte dipingono paesaggi ambigui e inquietanti,  dietro i quali si celano le ombre e le paure del nostro presente.

Gli uccelli sul tetto, la notte
lasciano impronte di metallo
Gli uccelli sul tetto, la notte
insidiano i confini
del nostro mondo perfetto
Addestrati alla guerra
alla notte, alle ombre
al deserto, alle voci
alle mura, alla morte
che arriverà planando
in un’alba di maggio
uno squarcio di bianco

illuminato dal cielo
che ora pende strappato
proprio sopra di me e di te

cantano in Compound,  e ne Il nemico avanza

Ricordi Beirut e la foce del Mekong
le strade di Saigon, le mura di Algeri
i fuochi sparsi, le macerie
il porto di Haiphong bombardato dal cielo
Crudele a vent’anni, il corpo distratto
La notte disposta per un ultimo assalto
L’odore del sangue che sa di dolce
di pesce pescato, di sperma
di vita che morde
Il nemico ci assedia
noi ci rintaniamo
Il nemico fugge
noi lo inseguiamo
Il nemico è vivo
noi lo uccidiamo
Il nemico si nasconde
noi lo staniamo

 

Sensazioni rilanciate dalla copertina dell’artista newyorkese Ray Mendoza e dal videoclip firmato da Gipi di uno brani estratti, La cena, che vi facciamo vedere.

Il concerto è preceduto il 4 marzo, ore 19.30, dall’incontro, che si terrà sempre all’Unical,  con Emidio Clementi, questa volta  nelle vesti di scrittore.

Clementi ha esordito nel 1997  con Gare di resistenza e ha proseguito con Il tempo di prima,  l’autobiografia de La Notte del Pratello, la ricerca di sé stesso ne L’Ultimo Dio, fino a Matilde e i suoi tre padri e, l’ultima fatica, Le ragioni delle mani, racconti dietro le quinte del mondo dello spettacolo.

 

L’evento, organizzato dal CAMS (Centro Arti Musica e Spettacolo), in collaborazione con le Associazioni culturali Fata Morgana e Il filo di Sophia, Club Silentio, e delle rassegne Note Al Margine, Alway Never Again, Color e Suoni pINDarici,  è accompagnato dalla mostra fotografica Sudore con sudore. Scatti di un fan tra i fan di Pasqualino Caparello (aka Le-Cap), trenta foto delle tre band ospiti del TAU e di alcuni mostri sacri della musica rock, da Nick Cave a PJ Harvey, Pearl Jam, Low, Sigur Ros.

 

Prevendita disponibile su www.inprimafila.net
È possibile prenotare telefonicamente il proprio posto ora e ritirare il biglietto direttamente da Inprimafila Cosenza oppure anche la sera stessa del concerto.

Info
Email: fatamorgana.associazione@gmail.com
dircams@unical.it
0984/494460 – 3498853332