Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Libri

Nel silenzio della Certosa. Colloquio tra un giornalista e un monaco

Scritto da on 6 ottobre 2011 – 08:00nessun commento

Solo dinanzi all’Unico (Rubbettino Editore, 2011) è l’ultima fatica letteraria di Luigi Accattoli, editorialista di La Repubblica e del Corriere della Sera, scrittore, blogger ( www.luigiaccattoli.it).

Accattoli ha incontrato il Priore della Certosa di Serra S. Bruno, Dom Jacques Dupont, in vista della visita di Benedetto XVI in Calabria, confrontandosi  con lui su temi quali l’incontro con Dio nel tempo di Internet, il significato della vita monastica nel mondo  d’ oggi o di termini come  “peccato” e “misericordia”.

Argomenti, tutti, sui quali Dom Jacques, Priore della Certosa ormai dal 1993, non si sottrae,  convinto che sia compito del monaco  testimoniare all’umanità che <<Dio è anche in questo mondo e in questo tempo>>

Il monaco, infatti,  è come il << mozzo che si arrampicava sulla cima dell’albero maestro per scrutare l’orizzonte nella speranza di vedere profilarsi una riva sconosciuta. Il mozzo non e’ colui che guida la nave, il suo compito e’ solo di vegliare al suo posto di vedetta. Quando la terra appare in lontananza, grida la scoperta a tutti i membri dell’equipaggio. Come il mozzo, il monaco scruta i segni del mondo nuovo.

 Deve essere un uomo vigilante, totalmente teso verso il futuro a cui anela e che vorrebbe affrettare. In definitiva potrebbe essere definito l’uomo del desiderio>>.

I Padri del Deserto a Thomas Merton, i  Trappisti di Thiberine uccisi in Algeria nel 1996,i Certosini spagnoli martirizzati dai Repubblicani nel 1936 e quelli di Farneta fucilati dai nazisti nel 1944, testimoniamo che la lontananza dal mondo sia, più che un comodo alibi per chi intenda sottrarsi alle proprie responsabilità,  un prezioso strumento per cogliere i drammi di un’epoca,  che spinge questi religiosi << a mettere radici nel Sud del mondo, attestando la sorprendente attualità di un carisma che conta più di nove secoli>>.