Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » gutenberg, Libri, Video

Primo Levi e la scienza tra percorsi e metafore inaspettate

Scritto da on 25 maggio 2012 – 07:25nessun commento

Sabato 26 maggio, ore 11, Gutenberg #10 ospita Antonio Di Meo, chimico e storico della scienza noto in tutto il mondo ma anche grande amante della letteratura, che discute con il pubblico del suo ultimo lavoro, intitolato Primo Levi e la scienza come metafora (Rubbettino, 2011).

 

 

 

Chimico-scrittore-testimone, ecco come Di Meo definisce Primo Levi, indicando con l’uso del trattino l’indissolubile legame tra i diversi volti di scienziato, scrittore e testimone di testimone del nostro tempo, come sopravvissuto all’esperienza tragica di Auschwitz. Un’esperienza che segnerà profondamente e indissolubilmente la vita e l’opera di Levi, protese alla ricerca di un senso e di un ordine delle cose che tuttavia non riuscirono a salvarlo dalla morte.

 

 

RECENSIONI

E’ difficile scrivere di scienza. La scienza si esprime per formule e simbologie che molto spesso non possono essere tradotte in parole. Ma anch’essa nelle sue formule e nei suoi simboli ha qualcosa di poetico.

Primo Levi è stato capace di cogliere la poesia nella scienza conciliandole in opere di grande interesse. Questo è il merito che Antonio Di Meo gli attribuisce nel saggio La scienza  come metafora.

Infatti un chimico come Levi ha a sua disposizione un vastissimo repertorio di metafore, ancor più grande di quello di uno scrittore. Per descrivere le qualità di qualcuno può ricorrere ad elementi chimici che rivelano la loro carica espressiva.

La scienza diventa con Levi veicolo di significati altri, emerge l’essere chimico per “vocazione”, uomo e soprattutto ebreo. Infatti il lager traspare da ogni pagina dei suoi libri, da ogni parola.

Di Meo rileva in essi la volontà di trovare un significato al lager e perpetuarne la memoria nelle generazioni future. A tali obiettivi si intrecciano riflessioni filosofiche profonde, che rivelano la problematicità dell’essere sopravvissuto ad un’ esperienza di tale portata.

 

Gli studenti della 2 F Liceo Classico Galluppi