Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Libri

#regalolibri: tendenze e novità dall’editoria calabrese

Scritto da on 23 dicembre 2013 – 13:27nessun commento

Abbigliamento, libri e generi alimentari si contendono in questi giorni il podio dei regali più gettonati per il Natale 2013. I libri crescono nel gradimento degli italiani non solo nelle vendite ma anche sui social dove spopolano campagne come I libri non si bruciano, si leggono, lanciata da Caffeina Festival, che ha raccolto migliaia di adesioni, e #regalolibri. Al coro ci uniamo anche noi con il nostro scaffale di libri e storie made in Calabria.

 

il_grande_otto__gemelli_copertinaSeguendo le orme della corsa automobilistica che nel dopoguerra percorse in lungo e in largo la regione, Bruno Gemelli, tra i più noti giornalisti calabresi, ne  Il grande otto, edito dalla reggina Città del Sole, fruga nella memoria per tirarne fuori ricordi, personaggi e vicende, anche inedite.

 

Storie di ordinario dolore  sono al centro de Il gusto amaro delle caramelle, edito da La Rondine, in cui Antonio Bianchi evoca in un inarrestabile flusso di coscienza la vita di un uomo marchiata da una infanzia violata che ne mina inesorabilmente il presente e il futuro, facendone ad un tempo vittima e carnefice.

 

Gli amanti del giornalismo di inchiesta non si lasceranno sfuggire Il sistema Reggio di Claudio Cordova (Laruffa sistemareggio.aspeditore) che ha scandagliato con pazienza certosina quintali di atti giudiziari, relazioni antimafia, dichiarazioni di collaboratori di giustizia, per svelare gli intrecci perversi tra il mondo politico, quello economico e la galassia dei clan mafiosi che, complici servizi segreti e logge massoniche, hanno messo le mani sulla città dello Stretto.

 

Per i foodies più accaniti è appena uscita per i tipi di Falco editore Alla ricerca del Gusto. Guida alle identità territoriali della Calabria, un viaggio tra gusti, sapori, odori, eccellenze della tradizione enogastronomica regionale, che esprimono ancor oggi un elemento identitario forte ma anche un potenziale immenso,  ancora tutto da esplorare.

 

Per la poesia va doverosamente citata l’ultima raccolta del calabrese Dante Maffia, una delle figura di maggiore rilievo della letteratura contemporanea, che ha pubblicato con Edilet Io poema totale della dissolvenza, 300.000 versi racchiusi in 700 pagine che il poeta di Roseto Capo Spulico dedica alla dissolvenza. Ecco cosa ne scrive il critico Giorgio Linguaglossa

 

Due secoli fa Feuerbach scriveva: «dimmi quello che mangi e ti dirò chi sei»; un altro filosofo, Hegel, ha scritto la famosa sentenza: «il reale è razionale»; un altro filosofo più vicino a noi, Adorno, ha scritto: «l’arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità» e «veri sono solo i pensieri che non comprendono se stessi», «il tutto è falso», «non si dà vera vita nella falsa»; Wittgenstein ha scritto: «il mondo è tutto ciò che accade». Dante Maffìa li ha presi tutti in parola: fa una poesia della totalità compossibile, crea un megamondo, una megabomba e lì ci concentra tutti gli «ego» umani come in un immenso campo di concentramento….. …..Impero della degenerazione e della «dissolvenza», dell’ossimoro, della cacofonia, del miagolio di fondo e della risonanza della inflazione di questo universo-magma dell’«io» di Maffìa, definisce al meglio la situazione in cui ci troviamo: di desertificazione spirituale e di nascita di falsi fondamentalismi, degli dèi falsi e bugiardi. Non saprei in quale altro modo descrivere questo smisurato poema dell’inflazione permanente, dove tutto si allontana da tutto, dove non c’è più un centro e l’«io» è deflagrato in una miriade di puntini luminosi come le luminarie dei fuochi d’artificio che si spengono nel mentre che si raffreddano nella loro dispersione nello spazio infinito.

SEGRETI_E_BUGIE__517552ece0f92

Nel 20mo anniversario della morte di Federico Fellini la casa editrice Pellegrini di Cosenza pubblica l’ultimo contributo di Gianfranco Angelucci alla memoria del regista riminese, al quale fu legato da profonda amicizia e da una lunga collaborazione, da cui nasce Segreti e bugie di Federico Fellini, zibaldone di storie, ricordi, immagini, bugie, misteri e mitologie che raccontano l’uomo Fellini da angolazioni inedite. Tra medium, grandi passioni, letture onnivore, incontri bizzarri,  sfilano protagonisti e comprimari (tutti immortalati nei famosi disegni) nella vita di questo grande visionario dell’immagine che la penna di Angelucci fa rivivere in tutta la loro vitalità.

 

Il giornalismo e le sue derive nel circo mediatico televisivo, il rapimento di un giornalista in terra di ‘ndrangheta, mille domande sul ruolo di chi lavora nel difficile compito di indagare e restituire la realtà con passione e dedizione, dietro cui si nascondono a volte ambizioni smodate e il desiderio di apparire a qualsiasi costo, sono gli ingredienti di Carta vetrata, quarta opera di narrativa della giornalista Paola Bottero, torinese ma calabrese d’adozione, edito da Sabbiarossa edizioni .

 

suoroliva.asp

Da ultimo, ma non ultimo, uno sguardo alle proposte per i più piccini con Coccole Books, la casa editrice di Belvedere Marittimo che si è ritagliata uno spazio significativo nella narrativa per l’infanzia, che ha da pochi mesi inaugurata la nuova collana Mister Giallo, con all’attivo già due titoli, andati a ruba nell’ultima edizione di Più libri più liberi, Il caso dei bambini rubati. Suor Oliva e Le indagini di Perla e Giò, da segnalare anche per l’ accattivante veste grafica e le bellissime illustrazioni.