Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Cinema, Libri

Storia di un trafficante di libri per la rassegna Sfogliando un libro a Catanzaro

Scritto da on 2 febbraio 2012 – 14:50nessun commento

Venerdì 3 Febbraio 2012 alla Biblioteca “F. De Nobili” di Catanzaro (ore 17.00) per la rassegna “Sfogliando un film” verrà proiettato il film-documentario A Mao e a Luva, del regista Roberto Orazi.

Dopo il successo riscosso dal primo incontro dedicato al dibattito “Anime nere” tra lo scrittore Gioacchino Criano e Francesco Munzi, regista del film che ne è stato tratto, proseguono  gli appuntamenti di “Sfogliando un film”, la rassegna curata da Antonio Capellupo, organizzata dall’Associazione Culturale “Otto e mezzo” per la Biblioteca comunale di Catanzaro, che intende indagare il complesso rapporto tra cinema e letteratura affrontando il legame tra la scrittura per “parole” e quella per “immagini”.

Questa volta Sfogliando un film propone la storia di un ragazzo nel Nord-est del Brasile, una delle aree più povere del pianeta, che decide di aprire una biblioteca per bambini nella favela cittadina. Kcal però non è un ragazzo come tanti e la sua storia non è una storia come tante altre.

Scappato di casa a sedici anni, Kcal trova il suo primo libro nell’immondizia: A mao e a luva di Machado de Assis, uno dei maggiori scrittori della letteratura brasiliana, grazie al quale si appassiona alla letteratura e alla poesia al punto tale che a trenta anni decide di realizzare un progetto che rivoluzionerà la sua vita e quella degli abitanti della Pina favela.

http://www.youtube.com/watch?v=WoI_FDg6t4w

 

Roberto Orazi, premiato al Festival del Cinema di Roma 2009 con H.O.T. – Human Organ Traffic,  che sarà presente all’incontro catanzarese, offre allo spettatore una storia fantastica dietro la quale si cela una amara e spesso drammatica realtà.

A Mao e a Luva” è stato in concorso lo scorso anno nella sezione “Extra” del Festival Internazionale del Film di Roma” e ha vinto nel 2011 il premio speciale “Vittorio Arrigoni e Giuliano Mer Khamis” al Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli.