Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cinema, Libri

Storia di un trafficante di libri per la rassegna Sfogliando un libro a Catanzaro

Scritto da on 2 febbraio 2012 – 14:50nessun commento

Venerdì 3 Febbraio 2012 alla Biblioteca “F. De Nobili” di Catanzaro (ore 17.00) per la rassegna “Sfogliando un film” verrà proiettato il film-documentario A Mao e a Luva, del regista Roberto Orazi.

Dopo il successo riscosso dal primo incontro dedicato al dibattito “Anime nere” tra lo scrittore Gioacchino Criano e Francesco Munzi, regista del film che ne è stato tratto, proseguono  gli appuntamenti di “Sfogliando un film”, la rassegna curata da Antonio Capellupo, organizzata dall’Associazione Culturale “Otto e mezzo” per la Biblioteca comunale di Catanzaro, che intende indagare il complesso rapporto tra cinema e letteratura affrontando il legame tra la scrittura per “parole” e quella per “immagini”.

Questa volta Sfogliando un film propone la storia di un ragazzo nel Nord-est del Brasile, una delle aree più povere del pianeta, che decide di aprire una biblioteca per bambini nella favela cittadina. Kcal però non è un ragazzo come tanti e la sua storia non è una storia come tante altre.

Scappato di casa a sedici anni, Kcal trova il suo primo libro nell’immondizia: A mao e a luva di Machado de Assis, uno dei maggiori scrittori della letteratura brasiliana, grazie al quale si appassiona alla letteratura e alla poesia al punto tale che a trenta anni decide di realizzare un progetto che rivoluzionerà la sua vita e quella degli abitanti della Pina favela.

http://www.youtube.com/watch?v=WoI_FDg6t4w

 

Roberto Orazi, premiato al Festival del Cinema di Roma 2009 con H.O.T. – Human Organ Traffic,  che sarà presente all’incontro catanzarese, offre allo spettatore una storia fantastica dietro la quale si cela una amara e spesso drammatica realtà.

A Mao e a Luva” è stato in concorso lo scorso anno nella sezione “Extra” del Festival Internazionale del Film di Roma” e ha vinto nel 2011 il premio speciale “Vittorio Arrigoni e Giuliano Mer Khamis” al Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli.