Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Arte, Libri

Tra Arte e Poesia a Fagnano Castello

Scritto da on 30 novembre 2011 – 07:23nessun commento

 

Lunedì 5 Dicembre 2011 alle ore 10.00, al Palazzo Municipale di Fagnano Castello si tiene Tra Arte e Poesia,   protagoniste Antonella Benaffini  con la  mostra  “Di un insolito colore”   e Daniela Pacelli con una lettura di poesie.

Antonella Benaffini in questa operazione di “nomadismo” stilistico  privilegia le citazioni e le suggestioni di carattere espressionista, primitivista e fanstastico-letterario, senza comunque  accettare alcuna forma precostituita di linguaggio, per la possibilità di transitare liberamente dentro a  tutti i territori, secondo l’idea che ogni opera presuppone una manualità sperimentale, la sorpresa dell’artista  verso un’opera che si costruisce non più secondo la certezza anticipata di un progetto, bensì si forma sotto ai suoi occhi e sotto la pulsione di una mano che affonda nella materia dell’arte, in un immaginario fatto di incantamento tra idea e sensibilità, che permette all’arte un movimento in tutte le direzioni, comprese quelle del passato.

E’  curioso constatare come il tipo di figurazioni dell’artista sia fin dall’inizio su posizioni totalmente anti-astratte, non definendole per questo “realistiche” o “naturalistiche” perchè quanto mai lontana da ogni realismo pittorico così come era inteso in precedenza, senz’altro aliena da quella corrente di realismo sociale che ebbe un certo sviluppo nell’immediato dopoguerra, pur se dotata di una volontà figurativa, secondo  il deciso reimpiego di tradizionali materiali pittorici, e il recupero dei fondamentali canoni della “tela dipinta”, per una vicinanza ai modi e alla tecnica dell’espressionismo germanico tra le due guerre, la cui vena romantica e fabulistica ricorda certe situazioni di derivazione onirica e surreale.

Daniela Iuli