Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » media

Inserti culturali: il battesimo di Nautilus

Scritto da on 3 febbraio 2017 – 08:19nessun commento

Si chiama Nautilus. Come la straordinaria, coloratissima conchiglia, uno dei pochi fossili viventi, dalle forme spiraliformi, simbolo di evoluzione e di rinnovamento. O come il famoso sottomarino nato dalla fantasia visionaria di Giulio Verne, che nel romanzo Ventimila leghe sotto i mari naviga in lungo e in largo per gli oceani, in un viaggio denso di incognite e di avventure che vedono protagonista il misterioso Capitano Nemo.

E Nautilus è il nuovo inserto culturale di Reportage, testata giornalista tra le più longeve in Calabria, nata nel 1962 e oggi diretto da Federico Arcuri, che ha mantenuto il format, un mensile di attualità e informazione, e gli ha instillato nuova vita con un progetto editoriale più ampio. Reportage infatti è anche un sito, Reportageonline, www.reportageonline.it seguito da migliaia di visitatori ogni mese, e due case editrici, InCalabria e Reportage Edizioni, che editano libri -in cartaceo e digitale e offrono servizi e contenuti editoriali.

1-giornali1Un progetto editoriale articolato, animato con coraggio e testardaggine, visti i numeri sempre più risicati del giornalismo cartaceo, per di più in una regione in cui il numero di lettori è ai minimi storici, da Federico Arcuri, classe 53, una passione sfrenata –equamente divisa- per la musica jazz e la carta stampata, e Anna Maria Persico, editore, blogger, esperta di comunicazione e scrittura creativa, che si muovono a Lamezia Terme attorno all’ idea di valorizzare e diffondere quanto di meglio offre il territorio, accoppiando contenuti di qualità e cura della grafica.

L’obiettivo, abbastanza ambizioso, è di contribuire a restituire la Calabria, intesa come identità culturale, ai calabresi – dicono Federico e Anna Maria-. Con Nautilus poi, come la conchiglia, non staremo mai fermi e, emuli del Capitano Nemo e del suo equipaggio, andremo insieme ai nostri affezionati lettori alla ricerca di storie nuove da raccontare nel grande mare della cultura. Viaggeremo un po’ sottotraccia e spesso invisibili dalla terra ferma, non abbiamo bisogno di selfie e like perché ci distraggono, ed emergeremo solo quando avremo trovato i nostri tesori.

Nel tempo delle post-verità il giornalismo che funziona, scrive il New York Times, punta su storie originali e di forte impatto, capaci di stimolare gli oltre 18 milioni di lettori di quotidiani in Italia, su carta e digitale, e gli oltre 15 milioni di lettori di settimanali e mensili, quanto a dire intorno al 30% della popolazione (dati 2015). Intanto cresce l’attenzione per gli inserti culturali, che hanno acquisito un posto di rilievo nel dibattito culturale del Paese, come rivelano i numeri de La Lettura e de La Domenica, allegati domenicali del Corriere della Sera e del Sole 24Ore, e la nascita di Robinson in casa Repubblica.

Un contesto beneagurante per Nautilus che, come i suoi compagni d’avventura, guarda al mondo dell’arte, della letteratura e della poesia, alla fotografia e al fumetto. Prossime tappe: l’avvio di un concorso letterario riservato agli esordienti che troveremo sul prossimo numero e un focus sugli eventi culturali più importanti a livello nazionale e locale.

Chi volesse abbonarsi può scrivere a reportagelamezia@libero.it o a persicoa@tiscali.it .