Primo Piano »

Dal 22 marzo a Cosenza l’editoria per ragazzi protagonista di B-Book Festival

27 febbraio 2017 – 11:11 |

C’era una volta… C’era una volta la fiaba, tessuto compatto in cui a tutte le latitudini il mito si congiunge con la saggezza popolare, principi universali si propagano dalla notte dei tempi fino ai giorni nostri insinuandosi nell’epica, nel romanzo …

Leggi tutto »
Home » media

Inserti culturali: il battesimo di Nautilus

Scritto da on 3 febbraio 2017 – 08:19nessun commento

Si chiama Nautilus. Come la straordinaria, coloratissima conchiglia, uno dei pochi fossili viventi, dalle forme spiraliformi, simbolo di evoluzione e di rinnovamento. O come il famoso sottomarino nato dalla fantasia visionaria di Giulio Verne, che nel romanzo Ventimila leghe sotto i mari naviga in lungo e in largo per gli oceani, in un viaggio denso di incognite e di avventure che vedono protagonista il misterioso Capitano Nemo.

E Nautilus è il nuovo inserto culturale di Reportage, testata giornalista tra le più longeve in Calabria, nata nel 1962 e oggi diretto da Federico Arcuri, che ha mantenuto il format, un mensile di attualità e informazione, e gli ha instillato nuova vita con un progetto editoriale più ampio. Reportage infatti è anche un sito, Reportageonline, www.reportageonline.it seguito da migliaia di visitatori ogni mese, e due case editrici, InCalabria e Reportage Edizioni, che editano libri -in cartaceo e digitale e offrono servizi e contenuti editoriali.

1-giornali1Un progetto editoriale articolato, animato con coraggio e testardaggine, visti i numeri sempre più risicati del giornalismo cartaceo, per di più in una regione in cui il numero di lettori è ai minimi storici, da Federico Arcuri, classe 53, una passione sfrenata –equamente divisa- per la musica jazz e la carta stampata, e Anna Maria Persico, editore, blogger, esperta di comunicazione e scrittura creativa, che si muovono a Lamezia Terme attorno all’ idea di valorizzare e diffondere quanto di meglio offre il territorio, accoppiando contenuti di qualità e cura della grafica.

L’obiettivo, abbastanza ambizioso, è di contribuire a restituire la Calabria, intesa come identità culturale, ai calabresi – dicono Federico e Anna Maria-. Con Nautilus poi, come la conchiglia, non staremo mai fermi e, emuli del Capitano Nemo e del suo equipaggio, andremo insieme ai nostri affezionati lettori alla ricerca di storie nuove da raccontare nel grande mare della cultura. Viaggeremo un po’ sottotraccia e spesso invisibili dalla terra ferma, non abbiamo bisogno di selfie e like perché ci distraggono, ed emergeremo solo quando avremo trovato i nostri tesori.

Nel tempo delle post-verità il giornalismo che funziona, scrive il New York Times, punta su storie originali e di forte impatto, capaci di stimolare gli oltre 18 milioni di lettori di quotidiani in Italia, su carta e digitale, e gli oltre 15 milioni di lettori di settimanali e mensili, quanto a dire intorno al 30% della popolazione (dati 2015). Intanto cresce l’attenzione per gli inserti culturali, che hanno acquisito un posto di rilievo nel dibattito culturale del Paese, come rivelano i numeri de La Lettura e de La Domenica, allegati domenicali del Corriere della Sera e del Sole 24Ore, e la nascita di Robinson in casa Repubblica.

Un contesto beneagurante per Nautilus che, come i suoi compagni d’avventura, guarda al mondo dell’arte, della letteratura e della poesia, alla fotografia e al fumetto. Prossime tappe: l’avvio di un concorso letterario riservato agli esordienti che troveremo sul prossimo numero e un focus sugli eventi culturali più importanti a livello nazionale e locale.

Chi volesse abbonarsi può scrivere a reportagelamezia@libero.it o a persicoa@tiscali.it .