Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica

A EcoJazz arrivano Jeff Berlin, Brian Auger, Kazumi Watanabe, Roberto Gatto…

Scritto da on 5 agosto 2014 – 11:11nessun commento

Ambiente, impegno sociale, musica. Prendete questi ingredienti, shakerateli e avrete EcoJazz, il Festival jazz che l’associazione Art Blakey organizza da ben 23 edizioni a Reggio Calabria.  Questa volta sono Francesco Cusa, Gianni Gebbia e Gaia Mattiuzzi a aprire la rassegna, come di consueto all’alba, mercoledì 6 agosto con un progetto confezionato su misura per il Festival, Il jazz incontra la Fata Morgana.

 

Il debutto di EcoJazz è segnato, qualche ora più tardi, dal live di Brian Auger, volto storico del piano Hammond, che ha suonato praticamente con tutto iljeff berlin 0505892 Gotha della musica rock, R&B e jazz, compresi Jimi Hendrix, i Led Zeppelin, John McLaughlin, Rod Stewart, Gino Vannelli, che arriva nella città dello Stretto con i suoi Oblivion Express.

 

Giovedì 7 è la volta di uno dei più grandi bassisti viventi, Jeff Berlin, classe e talento da vendere, che arriva a EcoJazz con un altro fuoriclasse come Kazumi Watanabe, un duo legato da un solido sodalizio ultraventennale, e con il giovane Joel Taylor.

 

Domandate a qualsiasi musicista se ha un sogno nel cassetto. Vi risponderà senza tentennamenti: Frank Zappa. Sulle sue orme si sono messi anche Roberto Gatto, nume tutelare del genio (jazz) italico e i Quintorigo, uno dei gruppi più interessanti e apprezzati del nostro panorama musicale, che, dopo Mingus e Hendrix, ci riprovano con il genio di Baltimora. A giudicare dal successo dei progetti quintorigoprecedenti, non abbiamo dubbi che anche questa volta i Quintorigo non deluderanno (venerdì 8).

 

A salutare il tramonto sullo Stretto sabato 9 ci sarà Fabrizio D’Alisera, giovane e talentuoso sassofonista, al quale segue alle ore 22 il fisarmonicista Carmine Ioanna che ospita per l’occasione Stefano Scarfone, compositore e chitarrista vulcanico e eclettico, che si è saputo ritagliare un solido spazio nel panorama internazionale.

 

stefano-scarfone

 

 

Sarà sempre Fabrizio D’Alisera insieme a Carmine Ioanna e a Alessandro Presti a chiudere il Festival domenica 10 agosto con una jam al tramonto che di sicuro riserverà più di una gradita sorpresa.

 

Tutte le info su www.ecojazz.it