Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica

Bireli Lagrène, Peppe Servillo, Girotto, Mangialavite e i Takabum a Jazz&Vento 2016

Scritto da on 1 agosto 2016 – 09:06nessun commento

Torna a Cortale (Cz) Jazz & Vento con una edizione ancora dal taglio internazionale che coniuga il jazz d’antan con la sperimentazione.
Tra gli appuntamenti tradizionalmente più attesi dell’estate calabrese, 22 edizioni alle spalle che hanno visto sul palco di Cortale il meglio della produzione jazz nazionale e non solo,  Jazz & Vento prende il via dall’ 8 agosto  con la direzione artistica di Maria Teresa Marzano,  inaugurato dal  canto propiziatorio a Eolo del trombettista Francesco Suppa ( Fondaco Pellegrini-Venuti), seguito da una  jam nel centro storico.

peppe-servilloIl 9 agosto il festival entra nel vivo con il progetto Parientes, firmato da  Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite, viaggio nella memoria, nelle storie, nell’immaginario di un popolo migrante che ha dato vita ad un’altra cultura e, nel contempo, ha preservato la propria portandovi nuova linfa. Tra avventure d’amore, ricordi, intrecci sentimentali,  tra una milonga, un tango, una cumbia, il trio racconta storie di vita vissuta, di fatiche quotidiane e voglia di riscatto, di legalità e malavita, in bilico tra l’Argentina e l’Italia, in una terra che fa dialogare  un passato millenario con influenze provenienti da ogni parte del mondo.

Parientes è il terzo capitolo discografico di un rapporto ultradecennale tra il frontmen degli Avion Travel, che ormai si divide tra il teatro insieme al fratello Toni e diversi progetti musicali uniti dalla qualità della proposta e dal livello dei musicisti coinvolti, e i due musicisti argentini da tempo ormai di stanza in Italia.

Il 10 agosto arriva  la Takabum Street Band, che scalda l’atmosfera in attesa della  star  della serata, Bireli Lagrène,  erede  della grande tradizione del jazz manouche di Django Reinhardt.  Artista di grande virtuosismo e tecnica insuperabile, Lagrène è stato al fianco di icone del jazz come Jaco Pastorius, John Mc Laughlin e Paco De Lucia.

Autentico ènfant prodige, Lagrène inizia a esibirsi  in pubblico a soli 4 anni, per proiettarsi in una carriera costellata da prestigiosi riconoscimenti, dall’apprezzamento di pubblico e critica, da una discografia sterminata per etichette di prestigio come Blue Note.

Con il suo nuovo progetto, che lo vede in quartetto insieme a Hono Winterstein – chitarra, William Brunard – contrabbasso e Franck Wolf – sax, Bireli  presenta un tributo alle sue radici tzigane, e non solo,  riproponendo la formazione, con due chitarre, violino e sax, che rimanda ai giorni ruggenti dell’ Hot Club de France.

Inizio degli spettacoli  fissato per le ore 22 con ingresso rigorosamente gratuito.

Info Tel, 3281592020