Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica, Video

Bocephus King, il ragazzo di Vancouver che amava Dylan e i fratelli Cohen

Scritto da on 8 gennaio 2014 – 10:38nessun commento

Sembra arrivato da un altro tempo questo ragazzo alto e allampanato, capelli lunghi, barba incolta, piedi scalzi, aria decisamente hippie. SI chiama Jamie Perry ma tutti lo conoscono con il suo nome d’arte, Bocephus King, in Italia per un tour che venerdì 10 gennaio 2014 toccherà Cosenza all’interno della rassegna Acquario in Jazz.

 

bocephus king

Questo artista di origine canadese ma trapiantato da tempo negli Stati Uniti, poco noto al grande pubblico, lontano dai clamori dello star system, è in realtà uno dei beniamini della critica  internazionale che ne apprezza i toni morbidi, il suo veleggiare al largo tra blues, country, jazz, gipsy, canzone d’autore, ritmi Motown, sin da Joco Music, il suo primo album, per decretarne l’arrivo nel sancta sanctorum musicale con A small good thing e Blue sickness ed il ‘paradisiaco’ All children believe arrivando dritti a Willie Dixon God Damn!.

 

Nel tour King porta il suo ultimo album, Amarcord (pubblicato da Appaloosa e curato da Andrea Parodi con testi tradotti in italiano), 16 brani tratti dalla sua discografia per festeggiare 15 anni di carriera tra i beniamini Dixon, Dylan, Waits, Van Morrison, qualche citazione cinematografica  e letteraria.

 

Insomma, un’ occasione da non perdere per festeggiare il nuovo anno con ottima musica.