Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Musica

Cambio di prospettiva nell’ ultimo album di Francesco Scaramuzzino, presentato in anteprima a Lamezia Terme

Scritto da on 8 settembre 2011 – 13:54nessun commento

Giovedì 8 settembre, ore 21, al Teatro Umberto di Lamezia Terme, il pianista lametino Francesco Scaramuzzino presenta la sua ultima fatica, Change of direction, edito dalla label calabrese Picanto Records, distribuita oltre i confini nazionali dalla prestigiosa Egea Distribution.

Solida formazione classica, un diploma in Pianoforte e clavicembalo e laurea in Scienze e tecnologie del suono,  Francesco Scaramuzzino si è diretto presto verso gli orizzonti del jazz avviando un percorso formativo di tutto rispetto con artisti del calibro di Enrico Pieranunzi e Gary Burton (del quale ha seguito anche un seminario durante il master estivo organizzato dalla prestigiosa Berklee School di Boston ad Umbria Jazz).

Sono subito fioccate le collaborazioni eccellenti con jazzisti quali Frank Lacy, Henry Cook, Greg Burk,Tino Tracanna, Marco Tamburini, Ares Tavolazzi, Achille Succi, Baba Sissoko e Max Ionata, che hanno saputo cogliere ed apprezzare il talento, la tenacia, l’intenso universo emozionale e sonoro di questo artista che si sta ritagliando un ruolo di tutto rispetto nel panorama jazz italiano.

Il pianista lametino salirà sul palco dello storico Teatro Umberto accompagnato da tre vere e proprie stelle del jazz di casa nostra, già al suo fianco nella registrazione del cd: il chitarrista partenopeo Pietro Condorelli (unanimemente considerato uno dei maggiori esponenti del panorama italiano della sei corde, con una carriera segnata da collaborazioni con importanti esponenti del jazz internazionale quali Lee Konitz, Paolo Fresu, Gary Bartz, George Cables, Jimmy Wood e Bob Mover), il contrabbassista Pietro Ciancaglini (già, tra l’altro, membro dei famosi High Five) e il batterista Massimo Manzi (collaboratore di tutti i migliori jazzisti italiani, oltre ché di star internazionali del calibro di Jerry Bergonzi, Irio De Paula, Richard Galliano, George Garzone, Steve Grossman, Lee Konitz, Phil Markowitz, Pat Martino, Kurt Rosenwinkel, Tony Scott, Mike Stern, Bob Berg, Bobby Watson e Phil Woods ).