Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica, Tradizioni

Canti tradizionali e sperimentazione nello spettacolo di Anna Maria Civico al Caffè delle Arti di Catanzaro

Scritto da on 21 novembre 2010 – 03:18nessun commento

Anna Maria Civico presenta Disincronìe il prossimo 4 dicembre 2010

Anna Maria Civico, attrice, cantante, trainer, ricercatrice calabrese, propone con Disincronìe, la sua ultima performance, canti di tradizione calabrese e arberesh, una finestra sul canto arcaico e sulla sperimentazione musicale su cui si impernia il suo studio sulla vocalità.

In questa performance si cerca il punto limite della improvvisazione vocale/modale a partire da elementi della struttura del canto.

Il percorso parte da sonorità arcaiche per confluire fino a quelle più addomesticate e sobrie della musica contemporanea e della voce naturale dell’artista.

Un intervento musicale che evoca e orienta l’ attenzione sul confine tra suono/rumore, voce parlata/voce cantata, azione/silenzio.

Uno spazio  in cui il suono della voce, per adattamento del timbro, confluisce nella vibrazione del suono dei materiali di carta che l’artista utilizza come strumenti musicali.

Qual è il tempo musicale giusto perché anche lo spettatore viva attraverso la musica quella dimensione empatica che risveglia vibrazioni assopite? Quello misurato dal metronomo o il tempo organico vissuto da chi canta?

Nella stessa serata verrà presentato anche l’ultima fatica letteraria di Massimo Iiritano, Dissoluzioni. La crisi dell’esperienza estetica tra arte e filosofia (Rubbettino, 2010), in cui lo studioso catanzarese affronta l’interrogativo cruciale sul senso dell’esperienza estetica, oggi,  a partire dalle Figure di Gioacchino da Fiore, fino alle esperienze più significative delle avanguardie novecentesche e alla riflessione filosofica di Walter Benjamin.

Come scrive nella Prefazione Sergio Givone, noto filosofo e scrittore, “il fenomeno su cui Massimo Iiritano si interroga in questo suo libro intenso ma di ampio respiro, nonostante la piccola mole, è quanto mai problematico e degno della più attenta riflessione filosofica. Potremmo definirlo attraverso le domande che emergono da quello sfondo non privo di paradossi e di contraddizioni su cui esso si staglia: è ancora cosa per noi, l’arte, o non ci appartiene più, essendosi dileguata o trasformata in altro? E’ ancora arte, l’arte, o ciò che continuiamo a chiamare così è solo il prodotto di un’inerzia culturale?”.

Anna Maria Civico. Attrice, cantante,ricercatrice, si dedica particolarmente alla sperimentazione vocale, al canto popolare di tradizione orale, al teatro-canto, al teatro ecologico. La ricerca raffinata nel campo del suono esprime ed evidenzia le radici ed un gusto musicale mediterraneo. Conduce una ricerca costante sul training fisico attoriale come strumento compositivo e di presenza scenica. Collabora con musicisti per la creazione di  performance di improvvisazione e di integrazione tra le arti: Seijiro Murayama, Pascal Battus, Thierry Madiot, Frederick Nogray, Cristophe Cardoen, Etienne Caire, Martin Figura, compagnia parigina Tempo Cantabile. Conduce laboratori di ricerca  con le donne e sulle identità femminili attraverso la voce e i training sul movimento.

Massimo Iiritano. Dottore di ricerca in Filosofia della religione all’Università di Siena-Arezzo, ha svolto attività didattica e di ricerca presso diverse Università, italiane (Perugia, Siena, Napoli, Bologna, Venezia) e straniere (Erlangen, Swansea, Cardiff, Manchester). E’ stato docente incaricato di Antropologia delle religioni all’Università per Stranieri di Perugia e collabora attualmente con la cattedra di Filosofia delle religioni dell’Università di Siena-Arezzo, con l’OSCOM (Osservatorio per la Comunicazione dell’Università Federico II di Napoli) e con il DAMS di Cosenza, come redattore della rivista Fata Morgana.

E’ stato allievo e collaboratore, tra gli altri, di Sergio Quinzio, Bruno Forte, Sergio Givone, Massimo Cacciari.

E’ autore di numerose pubblicazioni e figura tra i collaboratori di diverse riviste di studi filosofico-religiosi e di estetica, tra le quali: Davar, Titolo, Notabene. Quaderni di studi kierkegaardiani, Estetica. Tra le monografie: Disperazione e fede in Kierkegaard, Rubbettino 1998, Apocalisse della Verità, La Città del Sole 2003; Utopia del tramonto. Identità e crisi della coscienza europea, introduzione di M. Cacciari, Dedalo 2004; Teologia dell’ora nona, Città Aperta 2006; Picture Thinking, Rubbettino 2006.