Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Itinerari e Vacanze, Musica, Tradizioni

Concerti . Dal 21 al 25 agosto a Badolato Festival Tarantella Power 12 edizione

Scritto da on 3 luglio 2011 – 19:12nessun commento

Allora è deciso, la 12° edizione del festival Tarantella Power si svolgerà a Badolato dal 21 al 25 agosto. Chi sarà quindi in Calabria nella seconda quindicina di agosto potrà quindi prima assistere ai concerti che si svolgeranno nell’ambito della manifestazione Roccella Jazz e poi  recarsi nell’antico borgo di Badolato per ascoltare, danzare, ballare, imparare, guardare insomma immergersi totalmente in quello che è stato insieme a Paleariza (che si svolge nei paesi grecanici della Calabria) l’evento che ha creduto nella riscoperta della tradizioni popolari in un momento in cui il termine “zampognaro” non era certo usato per fare un complimento a qualcuno. Ricordo che nel 1999 un suonatore di chitarra battente mi disse che non aveva detto a nessuno del suo paese che lui sapesse suonare  quell’arcaico strumento per timore di essere preso in giro e con lui suo figlio. Oggi la situazione è cambiata, forse troppo, etnofestival fioriscono in tutta Italia contribuendo alla nascita di gruppi fotocopia che annullano le diversità etnocoreutiche presenti tra le varie aree, fenomeno particolarmente pesante in Calabria. La richiesta è quella di un ritmo che sia uniforme, omologato, costante, ovunque uguale come un hamburger di una catena di fast food.

Speriamo quindi che l’Associazione di Ricerca Produzione ed Animazione del territorio e cioè l’A.R.P.A. forte della sua esperienza e del fatto che i soci che curano la direzione artistica dell’evento e cioè i musicisti Antonio Critelli, apprezzato costruttore di zampogne e lire calabresi, e Danilo Gatto, autore del libro “Insegnare la tradizione “ che raccoglie ben 95 brani di musica tradizionale calabrese tutti raccolti “sul campo”, ci regalino una splendida 12° edizione  di quello che è sicuramente uno dei festival che “vanta il maggior numero di tentativi di imitazione”.

I boatos parlano di un ritorno dell’Orchestra Popolare Calabrese ma non si conosce il nome dell’artista che sostituirà Piero Pelù, artista che nel 2009 chiuse con i musicisti calabresi la 10° edizione. Ma le assenze che più si noteranno saranno quelle di Luigia Muleo, indimenticabile voce dei Phaleg, e del pianista Piero Cusato , due artisti troppo prematuramente scomparsi.

Angelo Maggio