Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica

Concerto live all’Antica Traccia di Taurianova con i Comaneci

Scritto da on 10 gennaio 2011 – 03:18nessun commento

 

Sabato  15 gennaio 2011 COMANECI live all’ ANTICA TRACCIA  di TAURIANOVA (rc)

Alle Olimpiadi del 1976 una ragazzina entrò nella storia. Con inaudita grazia e movenze simili ad una farfalla incantò gli spettatori fluttuando tra le parallele e assegnandosi il primo 10 nella storia della ginnastica artistica. Dal 2003 il mito di Nadia Comaneci è rievocato da un trio ravennate che sceglie questo personaggio esile, ma capace di arrivare ovunque contro ogni aspettativa, come rappresentativo di un minuto ma efficace progetto musicale. Una voce eterea e  viscerale.

Un trio emotivo, riservato e sorprendentemente esplosivo. Nascono i Comaneci che sanno come far “rumore” senza alzare il volume, il loro pop acustico da “cameretta” è quanto di più intimo e avvolgente sia possibile ascoltare da una band italiana esordiente.

Il cantato sognante di Francesca Amati rappresenta la peculiarità di un gruppo che di per sé peculiare lo sarebbe già.  Dopo due Ep autoprodotti in formato cd-r e il sostanzioso contributo fornito alla colonna sonora di “Provincia Meccanica” di Stefano Mordini, film presentato al Festival di Berlino, i Comaneci debuttano sulla lunga distanza con Volcano, per la Disasters By Choice. Disco dalle scosse sotterranee, che riassume in dodici tracce gli splendidi connotati del gruppo.

La voce di Francesca, impegnata anche alla chitarra classica, è splendidamente supportata dagli accordi in punta di dita del chitarrista Andrea Carella e dall’evocativo violoncello di Jenny Burnazzi. E poi l’album a due anni di distanza, nei quali hanno maturato esperienze in giro per l’Italia e creato contatti con la scena indipendente italiana, ridisegnando lo spirito e le caratteristiche, portando a due gli elementi del gruppo con il solo Glauco Salvo a supportare le timida grazia interpretativa della brava Francesca.

Accanto a loro, in questo secondo “You A Lie”, gravitano numerosi altri musicisti, tra i quali spiccano Bob Corn, Pete Cohen degli indimenticati Sodastream (entrambi ormai italiani d’adozione), Mattia Coletti e Bruno Dorella, che ha anche presieduto alla produzione del lavoro. Più essenziale nella struttura basilare della band, così come nella scrittura delle canzoni, “You A Lie” presenta undici concisi bozzetti nei quali tuttavia alla linearità degli accordi acustici e delle melodie corrispondono alcune inedite divagazioni, sotto forma di lievi accenni rumoristi, scarne miniature pianistiche e inquieti riverberi tra chitarre e archi. Analogamente, anche le tonalità si fanno lievemente più aspre rispetto all’uniforme dolcezza dell’esordio, in parte per l’incostante presenza di melodie volutamente disorganiche, in parte per la maturazione interpretativa della Amati, al solito deliziosa in particolare nei passaggi più fluidi (“Satisfied Girl”, “Promise”) e ormai in grado di discostarsi quanto basta dai consolidati modelli Cat Power e Hope Sandoval.

http://www.facebook.com/pages/comaneci/174410570492

myspace.com/Comaneciband

http://www.youtube.com/watch?v=-5eOw3RPsgg