Primo Piano »

Pietro Grasso inaugura il Tropea Festival L&S. Il programma

9 ottobre 2017 – 13:19 |

“Caro Giovanni, scriverti non è facile, mettere ordine nei tanti pensieri e nelle innumerevoli cose che ho da dirti. C’è quel lieve imbarazzo tipico di quando due vecchi amici, abituati a condividere la quotidianità, fatta di cose grandi e piccole, …

Leggi tutto »
Home » Musica

Gli Avion Travel approdano al Teatro Politeama di Catanzaro con un tributo a Nino Rota

Scritto da on 21 novembre 2010 – 03:18nessun commento

Gli Avion Travel al Teatro Politeama di Catanzaro presentano il loro ultimo album dedicato al grande compositore Nino Rota.

Stagione intensa per gli Avion Travel che, a distanza di tre anni dal fortunato album dedicato a Paolo Conte e dopo aver portato in tutta Italia Uomini in frac, spettacolo allestito in onore di Domenico Modugno con la complicità di alcuni tra i migliori jazzisti in circolazione, come Danilo Rea, Rita Marcotulli (che abbiamo visti qualche giorno fa a Catanzaro in una esibizione di grande impatto), Cristian Calcagnile, Javier Girotto, Furio Di Castri, Gianluca Petrella, hanno dato alle stampe la loro ultima fatica, “Nino Rota, l’amico magico”.

Il nuovo progetto del quartetto, che propone una personale e raffinata rilettura della musica di uno dei più grandi compositori del ‘900,  in grado di spaziare tra generi e stili, passando agilmente dalla musica ‘colta’ a quella popolare,  attualmente in tournèe in tutta Italia, è approdato anche a Catanzaro nell’ambito della Rassegna “La grande musica per il Cinema” promossa dal Teatro Politeama.

 

Lo spettacolo ha preso l’avvio con brani come “Parlami di me” (da La dolce vita), “Brucia la terra” (da Il Padrino III), “Ai giochi addio” (da Romeo e Giulietta), solo voce e chitarra, “Lla Rì lli rà” (da Le notti di Cabiria), “Canzone arrabbiata” (da Film d’Amore e d’anarchia), una selezione delle composizioni più raffinate di Rota che hanno contribuito al successo di pellicole firmate da Fellini, Zeffirelli, Coppola, Wertmuller, passando per “Pelle bianca” (scritta da Caetano Veloso in onore di Giulietta Masina) e la napoletana “Canzone appassionata”.

 La seconda parte dell’esibizione si è discostata dal tema principale spostandosi sui brani più noti del gruppo, quali “Sentimento” e “Dormi e Sogna”, proseguendo con “Aguaplano”, reinterpretato e già inciso nel precedente lavoro discografico “Danson metropoli. Canzoni di Paolo Conte”, per poi concludersi con “Abbassando”, uno dei primi pezzi che hanno posto l’attenzione sullo stile della Piccola Orchestra Avion Travel.

Indiscutibilmente ottimi gli arrangiamenti dell’altrettanto bravo chitarrista Fausto Mesolella, accompagnato da Flavio D’Ancona alle tastiere, Mimì Ciaramella alla batteria, Vittorio Remino al basso, nel sempre originale impasto creato dall’anima teatrale di Peppe Servillo, voce del gruppo e maestro nel tenere la scena raccontando aneddoti e scherzando, nell’intento di ingraziarsi il pubblico.

Lo spettacolo si è concluso con la consegna del premio Tersicore (opera realizzata dalla scultrice catanzarese Luigia Muleo) agli Avion Travel, attribuito per la creatività con quale sono riusciti a rompere gli schemi classici della canzone italiana pur nel rispetto della tradizione, ed all’attrice catanzarese Sara Tafuri, promessa del cinema italiano degli anni ‘80, prematuramente uscita dalle scene a causa di un grave incidente. Al sentito ricordo dell’attrice, nota per le interpretazioni rese nei film i “Tre fratelli” di Francesco Rosi e “La città delle donne” di Federico Fellini, segue il caloroso applauso del pubblico a sottolineare l’emozione e il gradimento per la piacevole serata trascorsa.

Stefania Mantelli