Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica, Video

Il folk-rock degli Sleepwalker’s Station a Catanzaro

Scritto da on 4 novembre 2015 – 08:49nessun commento

Ama Fabrizio De Andrè ma anche Afterhours, Verdena, i Marlene Kuntz,  e naturalmente il Maestro Battiato ma le radici sono in Bob Dylan e Nike Drake. Lui è Daniel Del Valle, frontman degli Sleepwalker’s Station, ospite il 4 novembre, ore 22.30, del Simon Pub di Catanzaro.

Siamo dalle parti dell’indie-rock ma con incursioni nel folk e nell’etnico, nel soul sllepwalkers station 80_7708558453032598663_ne nel jazz, grazie anche a un ‘giramondo’ pernnemente con lo zaino e la chitarra in spalla come Daniel. Una band nomade, per vocazione e per necessità. Nati nel 1998 a Monaco di Baviera muovendo i primi passi sulla scena grunge,  i  ‘sonnambuli’ sono cresciuti rapidamente tra una esibizione e l’altra, spostandosi tra territori sonori e geografici diversi.

Così capita di trovarli al Piper a Roma o al Nirvana nel nordovest dell’Australia, al Tranzac Club a Toronto, in Canada, al club cult SO36 a Berlino o al Bâteau ivre in Normandia, o ancora in diversi rock-pop & folk festival in Europa come il Ludwigsburg Strassenmusikerfestival in Germania o il Mashsub festival in Olanda.Un mese fà hanno vinto Super Circus Mei Unplugged al Mei di Faenza.

Cambiano anche lo stesso concetto di band, che diventa una formazione a geometria variabile, che attinge a una rete di musicisti sparsi in tutta Europa, uniti dalla comune passione e dalla condivisione dello stesso progetto musicale.

Intanto trovano il tempo  di registrare cinque album, Autumn leaves, autumn reptile skin copcolours (2001); About the Tides (2006); Not from here (2008); Windmills (2010), Reptile Skin (2014) e di coltivare collaborazioni importanti, con Christian Ravaglioli (che tra l’altro ha inciso con Jovanotti),  Francesco “Fresco” Cellini (che ha inciso anche con Benvegnù al tempo degli Scisma e con i primi Afterhours) e Michele “Mecco” Guidi (Hammond).

Il pubblico gradisce i loro pezzi semplici, caldi,  intimi, rigorosamente in acustico, e i  live si moltiplicano. Brani che parlano di viaggi e di letteratura, di amicizia, di voglia di fare una parte del proprio percorso insieme. Il loro ultimo cd, Reptile Skin,  è un viaggio coinvolgente, e avvolgente, nel tempo e nello spazio, da Berlino a Dublino, fino all’Oceano Indiano, in capolavori della letteratura come Ulisse e Don Chisciotte, nella  musica. Un invito a cambiare pelle perchè a volte è necessario che qualcosa di te muoia per rinascere.