Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Musica, Video

Il Museo del Rock festeggia i 50 anni de Le Orme con Michi De Rossi

Scritto da on 8 giugno 2016 – 17:06nessun commento

All’inizio fu il suono martellante delle tastiere che si lancia nell’aria e traghetta verso la dolce melodia al clavicembalo del concerto K380 di Domenico Scarlatti per ritornare al tema conduttore. Collage è il brano di apertura dell’omonimo album che nel 1971 spalanca le porte al rock progressive in Italia e proietta Le Orme sulla scena internazionale. Poi arriveranno Uomo di pezza, Felona e Sorona, disco che pur aggiudicandosi un disco d’oro sarà poco apprezzato dalla critica ma troverà in Inghilterra il giusto riconoscimento, i singoli Blue rondo a la turk/Concerto n. 3 e Regina al Troubadour,  Contrappunti, Smogmagica, Verità nascoste, Florian.

Un modo nuovo di concepire la struttura e l’andamento di un pezzo, tra felici combinazioni di melodie eteree e cavalcate ossessive, l’emergere di assoli a sorpresa, a scompaginare l’assetto iniziale per ritornarvi con innesti sempre armonici, tra echi e distorsioni, arrangiamenti sontuosi e la voce sorprendente di Tagliapetra. Una musica di alto livello e tuttavia comprensibile a tutti, che non finisce mai di sorprendere, mantenendo freschezza e attualità sorprendenti. Basta (ri)ascoltare Felona e Sorona, che è e resta un vero capolavoro, insuperato e insuperabile.

Una visione  sostenuta ed arricchita dallo splendido artwork di iperraffinate e ipeconcettuali copertine, curate da artisti come Lanfranco Frigeri, Walter Mazzieri, Maurizio Pellegrin, per non parlare di Paul Whithead, storico disegnatore di Foxtrot e Nursery Crime dei Genesis.

Lanfranco-Frigeri-Felona-e-SoronaWalter-Mac-Mazzieri-Uomo-di-Pezza-Garbo-di-neve-1972Paul-Whitehead-Smogmagica-fULLlow1

 

 

 

 

Non fila tutto liscio nella storia personale della band, perché negli anni crescono le divergenze tra Tony Pagliuca, Aldo Tagliapietra e Michi De Rossi, nucleo storico del gruppo, cui non contribuisce l’ingresso di altri musicisti, con riflessi tangibili sui nuovi progetti e sulla loro distribuzione nei mercati internazionali. Poi la rottura, ognuno segue la propria strada, e dà il via a progetti autonomi, a nuovi successi, a collaborazioni con i protagonisti (dalla PFM ai New Trolls) di una stagione indimenticabile della musica italiana del XX secolo

Le Orme, un mito che tra alti e bassi  ha scavalcato le frontiere per disseminarsi ovunque, dall’Oriente agli States, raccogliendo, soprattutto con Felona e Sorona, a qualsiasi latitudine riconoscimenti e  il LE ORME_foto_ufficiale-ksJH--1280x960@Produzioneplauso entusiasta di pubblico e critica. Inclusi nella classifica  mondiale dei gruppi prog, hanno appena festeggiato il mezzo secolo di carriera con un mega concerto, un tour della nuova formazione (Michi De Rossi, Michele Bon, Fabio Trentini) e un doppio album, Felona e/and Sorona (Music Love/Self), rivisitazione con nuove sonorità e arrangiamenti dell’omonimo album del 1973.

50 anni di carriera di uno dei gruppi seminali del prog italico che verranno ripercorsi il 9 giugno prossimo al Museo del Rock di Catanzaro da Michi De Rossi, anima ritmica e pulsante de Le Orme, a partire dalle 18. Apre l’incontro la Faust e Malchaut Orchestra. Non mancate.