Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Musica

Jazz: i Brown Wing Overdrive a Catanzaro

Scritto da on 15 novembre 2010 – 00:00nessun commento

L’ avanguardia musicale newyorkese di scena a Diagonal Jazz.

Concerto “estremo” quello per la sessione autunno/inverno 2010 di Diagonal Jazz – The Electronic Arts Ring II a cui si è potuto assistere venerdì sera presso il Centro di Aggregazione Giovanile di Catanzaro. Coloro che hanno resistito all’impatto sonoro dei Brown Wing Overdrive di NY, hanno preso parte a un meltin’ pot visivo e soprattutto sonoro che ha messo a dura prova anche gli ascoltatori più allenati. I due, il musicista elettronico Chuck Betts, e Derek Norton, suonatore di voce e banjo filtrati attraverso l’utilizzo di supporti digitali, nel presentare il nuovo disco L phantom, hanno saputo miscelare musica d’avanguardia senza rinunciare a una certa “artigianalità” del suono, e ci hanno regalato un assaggio di ciò che sicuramente deve aver attratto John Zorn che ha prima collaborato con loro e poi li ha voluti per la sua label, la Tzadik! Un cortocircuito esaltante quello avvenuto ieri sera, grazie al quale si è indagata la materia stessa del suono e di conseguenza il confine sempre incerto fra ciò che viene chiamato “rumore” e ciò che si percepisce ordinariamente come “musica”.

Cristina Pullano

 Prossimo appuntamento il prossimo venerdì 19 novembre 2010 nei locali del Conservatorio Musicale di Catanzaro con la cantante italo-svizzera Sabina Meyer ed il chitarrista Domenico Ascione che propongono “Occhi leggiadri I & II. Uno sguardo contemporaneo volto al mondo antico”.  Un progetto con cui due artisti  di grande sensibilità, capaci di confrontarsi, grazie ad una tecnica ferrea e ad una straordinaria duttilità espressiva, con i più svariati territori sonori e con musicisti di diversa estrazione, volgono lo sguardo verso la musica antica, anche quando riletta in chiave contemporanea. In programma composizioni di Benjamin Britten, Antonio Caldara, Manuel De Falla, Jon Dowland.

Per chi ancora non li conoscesse un concerto imperdibile!