Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica

La cantante H.E.R. al Caffè delle Arti di Catanzaro

Scritto da on 2 gennaio 2011 – 03:18nessun commento

 

Martedì 4 gennaio 2011 ore 22.00 al Caffè delle Arti , Via Fontana Vecchia, Catanzaro, H.E.R. in concerto.

H.E.R. (al secolo Erma Pia Castriota) in concerto il 4 gennaio 2011 con ‘Magma’ : inusuale, tra avant-garde e tentazioni pop. Già violino con i Nidi D’Arac e stabile nel gruppo di Teresa De Sio, sodale di Amalia Grè, Rettore, Agricantus, attrice e performer, H.E.R. lancia la sfida con la grazia e la sfrontatezza di una grande artista.

Magma, concerto per voce e violino, è il frutto dell’evoluzione stilistica e personale dell’artista H.E.R. che riassume in  13 brani (tra i quali un brano recitato su un testo della scrittrice Mariangela Gualtieri) tutta la sua estetica del provvisorio, della lacerazione, ma anche della rinascita.

Magma è un concerto “circolare” che fa coincidere la fine di un mondo con l’  apeiron, origine dell’universo, materia unica ed indistinta,  embrionale e scarna, un caleidoscopio che di ogni brano rivelando elementi inediti e  contrastanti i quali, proprio come in un magma, si congelano saldamente insieme, legati da un motorismo quasi elettronico (J.S. Bach e Philip Glass tra i suoi riferimenti basilari).

“E’ stimolante confrontarsi con il pubblico “semplicemente ” col mio violino e la voce. è una scommessa con me stessa ogni volta. Dover mantenere una concentrazione ZEN nella leggerezza e, al tempo stesso, far suonare il tutto con la stessa forza di una rock – band cattivissima ….” .

 

La programmazione del Caffè delle Arti tuttavia non finisce qui.

Sabato 8 gennaio, ore 22,00  tocca ai Crossroad Trio (rock -blues da CZ) salire sul palco, seguiti, domenica 9, dallo spettacolo  ”Dal Caos all’Armonia”, un  evento promosso dal M.E.A.

Un viaggio multisensoriale originale e assolutamente unico nel suo genere.
Poiché la disponibilità dei posti è limitata per garantire al pubblico il totale coinvolgimento, chi vorrà prendere parte all’evento dovrà inviare all’indirizzo movimentoermeticodavanguardia@gmail.com la conferma di partecipazione ed il numero totale di persone per cui si richiede la prenotazione, impegnandosi a rispettare gli orari che saranno indicati.

 

Domenica 16 ore 18.00 spettacolo teatrale per i più piccoli,  “MITO – racconto di una improbabile origine”. Vi si racconta di un improbabile mito d’origine (rilettura del mito filosofico di Ovidio) che ci farebbe derivare dal buio – secondo taluni, una enorme pancia, secondo altri, invece, il fondo nero di una pentola leccata da un cane affamato che aveva l’abitudine di intrufolarsi nelle case e mangiare gli avanzi rimasti nelle pentole.

A seminare il dubbio è un vecchio di nome Caos, che dice di essere il creatore del mondo, un dio burlone e smemorato che tormenta dei e uomini e che dimentica durante un gioco di liberare il fratello, dio detentore della conoscenza e del funzionamento del mondo. L’inganno viene svelato grazie all’intervento del figlio di Caos e di due bambini curiosi che si impegnano, spinti dallo spirito di ricerca, a liberare il fratello di Caos per svelare la storia dell’origine del mondo. Per far ciò devono compiere un lungo viaggio durante il quale dovranno affrontare prove e sconfiggere mostri. Tra ombre enigmatiche, montagne parlanti e personaggi fantastici, alla fine il trio riesce ad arrivare all’origine del mondo.

Dal linguaggio colorato e semplice, ricco di riferimenti simbolici, questo racconto vuole stimolare la curiosità dei ragazzi e la loro fantasia fornendo una chiave di lettura delle molteplici sfaccettature della vita e di come affrontare ciò che è pericoloso e avverso .

La drammaturgia lega mito, favola e fiaba in un intreccio fantasioso che ripropone in maniera non convenzionale le figure di questi tre tipi di narrazione, al fine di stimolare la creatività.

La scenografia dello spettacolo utilizza materiale di riciclo.

 

Sabato 22  ore 21,00 Dario Natale propone Motion, liberamente ispirato a “Il gioco della mosca ” di A. Camilleri. Motion (dall’ inglese motion-movimento) è una carrellata di suoni e voci, una galleria di  uomini e donne passati al ricordo ed alla memoria popolare per un detto , un motto, un gesto.

Motion è il racconto orale che si cristallizza e si focalizza su umili, oppressi, artigiani, ciarlatani, è la riprova di come il teatro possa servire in chiave antropomorfa a reinterpretare il passato, prendendo in esame manifestazioni comportamentali che solo la narrazione può rinnovare. Motion contiene quei caratteri fondamentali della prassi teatrale che si muove tra il sorriso e l’impotenza, fra la maschera e lo specchio, fra l’incomunicabilità e le convenzioni. La minuziosa descrizione dell’attore sublima nel corredo fotografico che fa da sfondo, dando alla rappresentazione la forza di un documento visivo e sonoro che abbraccia tutti i sensi, quello che è avvenuto e quello che avverrà, realtà storica e commento, con al centro un rinnovato senso Meridiano vivo e pulsante.

 

Chiusura domenica 23 a partire dalle ore 10,00 e per tutto il giorno (intervallo all’ora di pranzo), con il MERCATINO DELLE ECONOMIE ALTERNATIVE: equosolidale, biologico, artigianato, km 0, seguito alle ore 21,30 da “Le Urla dal Silenzio“, letture e riflessioni dal mondo del carcere duro a cura dell’Associazione Fuori dall’ombra.

Domenica 30, dopo l’incontro del Gruppo di lettura sul tema  dell’ Unità d’Italia (ore 17,30), Alternativa Creativa propone un percorso interdisciplinare con letture, musiche, video, arti visive. Filo conduttore comune: la strada.

Per ulteriori notizie vai sulla pagina Facebook  del Caffè.